IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Da Savona ai teatri più prestigiosi d’Italia: il performer Davide Dal Seno ora canta e balla in “Mary Poppins” fotogallery

L'artista savonese da anni lavora nelle più importanti produzioni di musical in Italia e all'estero: "Ci sono voluti tanto studio e tanti sacrifici"

Savona. “Tutto può accadere se ci credi”. E’ il motto che accompagna lo spettacolo “Mary Poppins”, attualmente in scena al teatro Nazionale di Milano, ma potrebbe essere anche quello che racconta la storia di Davide Dal Seno che, una decina di anni fa, ha lasciato Savona per inseguire il sogno di cantare e ballare e oggi è un performer ormai affermato sulla scena del musical italiano.

L’artista savonese, classe 1985, sguardo magnetico ed un passato da pallanuotista nella Rari Nantes, dallo scorso febbraio fa proprio parte del cast del celebre musical Disney, sbarcato per la prima volta in Italia dopo i successi a Broadway, dove interpreta il ruolo di uno dei poliziotti in servizio vicino al mitico “Cherry Tree Lane”, il signor “Von Hussler” (un uomo d’affari che tratta con George Banks in banca), ma anche i personaggi dell’ensemble come lo spazzacamino.

“Mary Poppins” (che sarà in scena fino al 13 maggio nel capoluogo lombardo) non è però il primo spettacolo di grande successo a livello nazionale del quale Davide fa parte: ha ballato e cantato anche in “Evita” (con Malika Ayane), “Billy Elliot”, “I Promessi Sposi”, “Shrek”, “Flashdance” e “Grease”. Ma nella carriera del performer savonese non c’è solo il teatro visto che ha fatto parte del corpo di ballo della trasmissione televisiva “Stasera casa Mika”, ha partecipato alla fiction “E’ arrivata la felicità” ed ha interpretato numerosi spot per noti brand.

Oggi Davide Dal Seno è quindi un artista poliedrico, ma la passione per danza, recitazione e canto per lui non sono nate quando era piccolo, ma sono cresciute e maturate nel tempo. Quando frequentava il liceo artistico di Savona, infatti, si divideva tra lo studio e gli allenamenti di pallanuoto. La vera svolta è arrivata quando, dopo due anni frequenza al corso di scenografia all’Accademia delle Belle Arti di Genova, Davide ha fatto un’audizione per la “Bernstein School of musical theater” di Bologna, una vera istituzione nella formazione di giovani artisti nel campo delle arti performative e dello spettacolo.

Il savonese Davide Dal Seno nel cast di Mary Poppins

“Come mi è venuto in mente di voler fare questo lavoro non lo so, forse è qualcosa che ho sempre avuto dentro e mi è servito solo un po’ cambiare aria per capirlo. Dopo pallanuoto avevo iniziato a fare danza per passione, ma in maniera tranquilla con Isabella Ferrigno ad Albisola che mi ha un po’ aperto il cuore su questo mondo. Quindi ho iniziato anche a fare qualche lezione di recitazione e mi piaceva. Ero portato per ballare e recitare e poi questa mia passione si è trasformata in un lavoro” racconta Davide.

“Ho iniziato a studiare tanto ed è stato proprio quello che mi ha permesso di fare un passo in avanti. Per me la danza è sempre stata una passione ed un modo di essere, ma grazie allo studio sono riuscito a farlo diventare un lavoro. Per riuscirci ci è voluta tanta determinazione e non è stato facile. Anzi è stata una scelta molto difficile perché quando inizi a lavorare sei lontano dai tuoi cari, torni a Natale e poi devi riprendere un aereo, un treno e sei sempre via. Questo è un aspetto che, chi ha una vita ‘normale’, non capisce quanto possa essere difficile. Spesso la gente vede solo la parte migliore, ovvero il fatto che sei in scena, che prendi applausi, ma non capiscono lo studio e le rinunce che ci sono dietro. Sacrifici che hanno un peso importante. Più si va avanti e più è difficile” spiega il performer savonese.

“Anche a livello emotivo fare questo tipo di professione non è facile: lavori sapendo che finirai per essere disoccupato non appena finisce la scritturazione. Fare parte di una produzione infatti non significa che poi continuerai ad essere preso: devi fare audizioni su audizioni. Il mio mondo è fatto di mettersi in gioco ogni volta: smontarti e rimontarti per metterti a disposizione di qualcosa. Puoi essere sulla cresta dell’onda come no” racconta Dal Seno.

L’artista savonese confida anche le difficoltà che si possono incontrare quando il sipario si apre: “Andare in scena significa appunto mettersi in gioco ogni giorno: presentarsi davanti a duemila persone ti fa avere delle responsabilità. Non hai la possibilità di ‘marcare’ la canzone perché sei senza voce: devi essere un professionista bravo sempre. Quindi c’è sempre tanto impegno e altrettanto studio, ma anche allenamento ogni giorno. C’è un mondo dietro che non si vede”.

“Tante volte quando torno a Savona gli amici mi dicono ‘cosa fate adesso?’. Ecco non funziona proprio così..io appena finisco uno spettacolo mi devo rimettere a studiare per fare audizioni in giro a vedere se mi prendono. Non mi sveglio alla mattina ed ho un contratto. Ci sono titoli in cui la mia figura e la mia vocalità vanno bene e altri in cui no” prosegue Davide che però non nasconde la sua passione profonda per quello che fa: “E’ un lavoro che ho scelto, è uno stile di vita che ho scelto, ma ora che ho quasi 33 anni sto cercando un po’ dei compromessi perché ovviamente delle cose vengono a mancare”

Sono molto contento della carriera che sto facendo e ho fatto. Lavorare in Mary Poppins è molto bello, una bella produzione, una bella compagnia e mi ritengo fortunato. Comunque ho sempre fatto titoli molto emozionanti come Billy Elliot, che è stato magico, Evita con Marika Ayane che è stato un sogno, così come lavorare con Gianluca Guidi e Giampiero Ingrassia. Una volta ho anche ricevuto i complimenti dietro le quinte da Gigi Proietti” racconta Dal Seno.

Quando non è in teatro, il performer savonese si adatta anche ad altri lavori: “Ovviamente si fa il possibile comunque per non restare disoccupati: lo spot in televisione, la pubblicità o qualche lavoretto. In ogni caso sono sempre tutte cose per cui devi fare audizioni, è difficile che ti chiamino” spiega Davide che conclude: “Sono dieci anni che faccio audizioni: studio una canzone, un monologo e vado“. Grazie alla sua immensa passione per quello che fa ed alla sua determinazione, c’è da essere sicuri che il talento di Davide Dal Seno continuerà a brillare ancora a lungo sui palcoscenici più prestigiosi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.