IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Ritorno a Caporetto”: Pier Paolo Cervone presenta il suo ultimo libro ad Albenga

Appuntamento giovedì 5 aprile, alle 17, a Palazzo Oddo

Albenga. Si intitola “Ritorno a Caporetto” ed è l’ultimo libro di Pierpaolo Cervone che sarà presentato giovedì 5 aprile, alle 17, a Palazzo Oddo (terzo piano) con un incontro dibattito che sarà introdotto da Riccardo Badino. Nel corso dell’incontro è prevista anche la testimonianza dell’avvocato Antonello Tabbò a ricordo del nonno paterno caduto in seguito allo sfondamento del fronte di Caporetto.

Con il suo libro Cervone ci riporta a Caporetto, per ricordarci che la vittoria finale al termine del conflitto era comunque costata più di 600.000 vite. L’incontro è aperto a tutti, ma in particolare a docenti e studenti che il quattro novembre celebreranno il 100° anniversario della vittoria.

Questo lavoro di Pier Paolo Cervone si contraddistingue per un’asciutta schiettezza espositiva nell’individuare i protagonisti dell’evento bellico ai vari livelli di responsabilità. Emergono colpe, superficialità, disattenzioni da parte dell’intero Stato Maggiore e del suo capo, il generale Luigi Cadorna, ma non è neppure graziato il monarca Vittorio Emanuele III e molti altri alti ufficiali che continueranno a incidere sulla storia d’Italia per ulteriori venti anni successivi al quel conflitto, un esempio per tutti il Maresciallo d’Italia Pietro Badoglio. Alla rievocazione dei lavori e dei verbali della commissione d’inchiesta che fu istituita dopo la disfatta di Caporetto, Cervone pone e descrive con estrema compassione il comportamento ammirevole dei soldati di truppa che pur in un momento di sbandamento dei reparti, scrissero con l’estremo sacrificio, pagine di eroismo e fedeltà alla Patria.

Ciò che il testo offre è dunque un quadro descrittivo della sconfitta di Caporetto e della ricomposizione del fronte al di qua del fiume Piave, vissuta e interpretata da attori diversi che possiamo così sintetizzare: gli alti comandi dell’esercito italiano e il passaggio del comando da Cadorna a Diaz, il sentire delle truppe, in quel momento rafforzate dai ragazzi del ’99, diciottenni spediti in trincea e l’esperienza concreta delle popolazioni nelle campagne e nelle città industriali con l’apporto determinante del lavoro, della fatica e del sacrificio delle donne del popolo d’Italia, chiamate a sostituire gli uomini in ogni lavoro. La prosa assicura una lettura scorrevole e la competenza dell’autore, garantiscono autenticità e valore delle fonti documentali. Queste due caratteristiche del testo, stile e certezza documentale, sono il frutto dell’esperienza gionalistica e della passione per lo studio della storia contemporanea di Pier Paolo Cervone.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.