IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lettere al direttore

Elezioni Alassio, Canciani: “Non ascoltare cosa chiede il cittadino può essere un grave errore”

"Il centrodestra ad Alassio, e non solo, è e resterà rappresentato da Melgrati nonostante altri si incoronino o vengano incoronati"

Alassio come Imperia. Alle prossime amministrative due volti che hanno fatto la storia del centrodestra, con carriere e ruoli differenti ma di prestigio, dovranno “sfidare” due liste appartenenti a quella coalizione alla quale hanno dato tanto, combattendo per imporre quegli ideali moderati e di libertà che tanto si sbandierano.

Tutto questo è assurdo e irresponsabile, secondo il mio punto di vista, perché la mancanza di capacità d’ascolto induce ad errori nelle scelte, unilaterali e di “stanza”, che vengono prese e nella stragrande maggioranza possono non essere vincenti e se così fosse spero che ai responsabili di questo “mappazzone” venga riconosciuto pubblicamente l’enorme demerito. Demerito che non è stato mai sottolineato quando furono fatte scelte illogiche nelle scorse amministrative, un esempio su tutti Pietra Ligure dove parte del centrodestra ha appoggiato una lista di centrosinistra portando un solo candidato in consiglio comunale la quale, dopo le prime difficoltà di natura politica, ha abbandonato i tavoli di maggioranza (per me una scelta più che giusta).

Il centrodestra ad Alassio, e non solo, è e resterà rappresentato da Melgrati nonostante altri si incoronino o vengano incoronati. Vent’anni di consiglio comunale, di dedizione verso la propria città e la sua indiscussa capacità amministrativa negli ultimi anni è stato “pedinato” e acclamato a gran voce per una sua ricandidatura a Sindaco, anche da parte di coloro che hanno degli ideali politici differenti ai suoi o addirittura appartenenti a schieramenti politici contrapposti.

Il bacino di voti che possono vantare Melgrati e Scajola nelle loro città natali non hanno paragone rispetto ai prescelti. Due candidati sindaci non in grado di mantenere la maggioranza o addirittura “supporter” alle scorse regionali di “SoraLella” Paita, secondo il mio punto di vista, non possono essere primi cittadini di due città importanti come Alassio ed Imperia che avrebbero bisogno di un forte slancio.

Sono convinto che Melgrati ad Alassio e Scajola ad Imperia dimostreranno, una volta eletti, il loro valore e non servono tante passerelle di vip del mondo della politica nazionale, magari male informati o addirittura che ignorano la complessa situazione … perché non serve essere “unti”, serve essere acclamati!

Rilanciamo Alassio e Imperia!

Matteo Canciani
Movimento “Politica per Passione”
Forza Italia

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.