IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Convocati in Regione i Dg ed i responsabili anticorruzione e trasparenza delle Asl liguri

Viale: “Massima attenzione al tema, tolleranza zero su corruzione”

Più informazioni su

Regione. Una riunione con i direttori generali e i responsabili della prevenzione della corruzione e della trasparenza di ciascuna azienda sanitaria e ospedaliera. L’ha convocata per venerdì 6 aprile, alle 12 la vicepresidente e assessore alla sanità e sicurezza di Regione Liguria Sonia Viale per fare il punto sull’operato del gruppo di lavoro che già da un anno è all’opera per costruire procedure trasparenti in materia, ad esempio, di strutture private accreditate, attività libero professionale, rotazione degli incarichi, conflitti di interesse, gestione dei contratti pubblici, diffusione di una modulistica standard e omogenea su tutto il territorio.

“Qualora i fatti emersi ieri dall’indagine della Guardia di Finanza fossero confermati – afferma la vicepresidente Viale – non ci sarà alcuna tolleranza da parte del sistema, che sta producendo gli anticorpi indispensabili per arginare fenomeni di corruzione: non bisogna mai abbassare la guardia. Fin dal mio insediamento ho impresso un forte input in materia di anticorruzione e trasparenza a tutela dell’integrità del nostro sistema sociosanitario regionale. Le direttive dell’Autorità Nazionale Anticorruzione costituiscono un’opportunità per affrontare il tema dell’illegalità con un approccio positivo, proattivo e concreto, assicurando non solo l’applicazione delle norme ma rendendola coerente e uniforme su tutto il territorio. Stiamo lavorando da tempo, ad esempio per sensibilizzare il personale all’interno delle aziende, garantendo un pieno e forte sostegno ai responsabili anticorruzione e trasparenza che si trovano svolgere in solitudine un compito difficile”.

“Oltre ad aver adottato le direttive Anac, le nostre aziende hanno inoltre applicato la particolare tutela nei confronti dei dipendenti che segnalino condotte illecite, esercitando il cosiddetto ‘whistleblowing’: la procedura adottata, in linea con quanto disposto dall’autorità nazionale, garantisce la piena tutela dell’anonimato, individuando come unico referente della segnalazione proprio il responsabile dell’anticorruzione e della trasparenza. Le linee guida che stiamo costruendo non sono calate dall’alto ma sono frutto del confronto diretto con i responsabili prevenzione corruzione delle aziende, il cui apporto è indispensabile, ad esempio per rendere efficaci i controlli o rendere ancora più trasparenti le attività a maggior rischio”.

“Un lavoro complesso che ha richiesto anche un percorso di formazione e aggiornamento non solo dei responsabili ma anche degli operatori delle aree più sensibili e di tutti i dipendenti del sistema sociosanitario regionale”, conclude Viale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.