IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Centri salute, Melgrati plaude alla proroga: “I cittadini aspettavano una risposta dalla Regione”

La risposta del candidato sindaco alassino sui centri salute di Alassio e Laigueglia

Il candidato sindaco ad Alassio Marco Melgrati plaude per la proroga concessa ai centri salute di Alassio e Laigueglia, dopo la levata di scudi dal territorio ponentino su una possibile chiusura dei due presidi territoriali.

“Prendo atto che è pervenuto ai Comuni di Alassio e Laigueglia il provvedimento di proroga sino alla scadenza naturale delle convenzioni. La presa di posizione sui centri salute non voleva essere una critica all’assessore Viale, che prontamente ha risposta ad una richiesta del territorio” afferma.

“Il tema da me posto si chiamava però e si chiama ancora oggi taglio dei fondi. Infatti non dubitativo certo che i contratti arrivassero alla scadenza naturale ma, semmai, che questo avvenisse senza le risorse necessarie a proseguire il meritorio operato dei medici. Per la precisione volevo ricordare che la convenzione per il centro Alassio Salute, che coinvolge anche il comune di Laigueglia, è stata firmata a Savona da me in qualità di sindaco di Alassio, dal Direttore Generale di allora e dal presidente di Alassio Salute Francesco Bogliolo, non 5 anni fa dal Pd, ma bensì il giorno 11 marzo 2003, durante la giunta regionale di centrodestra guidata da Sandro Biasotti, e che l’inaugurazione del centro salute di Alassio si è svolta nel marzo 2004, sempre sotto il patrocinio, l’egida e l’amministrazione di centrodestra regionale, dove la Lega partecipava quale alleato, alla presenza del Ministro dell’interno del governo Berlusconi Claudio Scajola” ricorda Melgrati.

“In ogni caso prendo atto che a breve, potremo avere contezza della prosecuzione della convenzione, l’altro ieri solo proclamata ma non attuata nella sua interezza. Restando naturalmente ancora tutta da scrivere la vicende dei fondi nelle more della scadenza naturale e, cosa ben più importante, la permanenza dei centri salute anche dopo tale scadenza, fatte tutte le verifiche del caso”.

“Infine, circa le problematiche tecnico-giuridiche esposte, sono certo che l’alta competenza dei dirigenti Asl regionali e provinciali (nominati dalla stessa Regione) permetterà la soluzione del caso per mantenere l’importante servizio in essere o, addirittura, stante la necessità del primario servizio sanitario, implementarlo”.

“Quanto alla campagna elettorale che, con orgoglio, mi vede candidato sindaco del mio Comune, posso dire che è giusto che mi occupi di queste problematiche, problematiche sentite dai cittadini alassini” conclude Melgrati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.