IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nuovo cantiere su Finale Ligure: al via la sistemazione del tratto terminale di via Dante

Ripiantumazioni su tutto il territorio comunale e nuovi asfalti, conclusione prima dell'estate

Finale Ligure. Il sindaco di Finale Ugo Frascherelli e l’assessore Andrea Guzzi lanciano una nuova opera, tra esigenze di sicurezza e voglia di rigenerare il vecchio patrimonio arboreo finalese. “Nelle prossime settimane si procederà con numerose ripiantumazioni su tutto il territorio comunale – annunciano – Sono infatti previste circa 30 palme sul Lungomare Migliorini e non solo, 6 Lagerstroemia in via Santuario a Final Pia, tamerici ed agrumi nella bella Varigotti ed altre alberature nelle zone dove abbiamo abbattuto negli ultimi anni”.

“In totale andremo a sistemare circa 50 alberature per continuare nel percorso di rigenerazione del verde e del patrimonio arboreo, come promesso lo scorso anno – spiegano – Un’azione che l’amministrazione ha deciso di impostare contemporaneamente agli abbattimenti che interesseranno numerosi pini che da tempo preoccupano per quanto concerne la salute, la stabilità e la sicurezza dei cittadini, oltre ai danni delle radici su strada. Oltre a quanto stanno già facendo le nostre maestranze si procederà con ditte esterne ad abbattere 7 pini a Varigotti (zona park residenti), 3 in Via Brunenghi all’interno del Campo Borel, e 13 pini nel tratto terminale di Via Dante, dove lo scorso dicembre abbiamo assistito al collasso di uno di questi. Proprio su questo tratto si procederà ad una riqualificazione dell’intera area, con nuova sistemazione del verde, nuove alberature che si stanno valutando in questi giorni per non incorrere negli errori del passato”.

Al termine della rimozione e della nuova sistemazione di verde e parcheggi si procederà al nuovo asfalto sull’intera zona (da via Nievo a curva Finale Salute). Un cantiere che inizierà quindi nelle prossime settimane per essere concluso prima della stagione estiva. “Un’opera necessaria in termini di sicurezza, una sistemazione che da anni reclama il territorio – commentano Frascherelli e Guzzi – l’inizio di un iter che vedrà il suo completamento quando anche il tratto a monte, dalla Carige al ponte di ferro, sarà cantierato. Li infatti esiste già un progetto di riqualificazione che ammonta a circa 900 mila euro che per ora rimane collegato ad un’iniziativa privata. Tante risorse che risolverebbero uno dei tanti problemi annosi finalesi. Ma per ora iniziamo dal tratto terminale. Un buon inizio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.