IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Alternanza scuola-lavoro, la Consulta degli Studenti lancia un sondaggio su Google

Lanciato dalla Consulta Provinciale degli Studenti di Savona, permetterà di avere riscontri sull'esperienza di ogni singolo studente

Savona. Un sondaggio riguardante l’esperienza di alternanza scuola-lavoro svolta dagli studenti delle scuole secondarie di secondo grado della Provincia di Savona. A lanciarlo è la Consulta Provinciale degli Studenti di Savona, con lo scopo di raccogliere il maggior numero di dati per conoscere l’opinione generale degli studenti che hanno svolto questo nuovo percorso formativo reso obbligatorio dalla legge 107, la cosiddetta “Buona Scuola”.

La nuova legge di riforma infatti introduce l’obbligo di alternanza-scuola lavoro da svolgersi nell’ultimo triennio delle scuole secondarie di secondo grado, nella misura di 200 ore nei licei e 400 ore negli istituti tecnici e professionali. Inoltre, a partire dal 2019, il colloquio orale dell’esame di maturità includerà una breve relazione o un elaborato multimediale dell’esperienza di alternanza svoltasi nel triennio.

La Consulta Provinciale degli Studenti ha quindi deciso di muoversi in tempo per fronteggiare al meglio questa novità: “L’utilità del sondaggio, realizzato tramite un servizio che Google offre gratuitamente – spiegano – è quello di avere un riscontro definitivo ‘nero su bianco’ per conoscere l’esperienza di ogni singolo studente.
La CPS di Savona si propone come la portavoce di tutti gli studenti, senza escludere nessuno”.

“La necessità di creare un sondaggio riguardante l’alternanza scuola-lavoro – racconta Gabriele Cordì, presidente della commissione Pubbliche relazioni e Management – nasce da una scintilla della vicepresidente della Consulta Enrica Vivalda. L’idea è stata condivisa e approvata da tutti i membri e messa in atto dal sottoscritto utilizzando il form di Google. L’Alternanza è una questione molto delicata per noi studenti e l’opinione pubblica italiana è stata molto aggressiva e poco informata riguardo a questo tema. La CPS di Savona non si è fermata solamente ad ascoltare le cosiddette ‘voci di corridoio’ o gli scambi di opinioni tra i nostri compagni di banco: abbiamo voluto creare questo sondaggio, fruibile a tutti gli studenti, per analizzare un campione molto più grande delle nostre classi o scuole, che coinvolga tutti gli studenti della Provincia di Savona”.

“Palazzo Sisto ha aperto le sue porte ed ha accolto con entusiasmo le nostre proposte, tra cui il nostro sondaggio, e insieme all’assessore alle Politiche Giovani Barbara Marozzi abbiamo già iniziato a lavorare per trattare con cura questo tema, trovando delle vie alternative per rendere questa esperienza la migliore possibile per tutti gli studenti” conclude Cordì.

L’iniziativa ha avuto appunto il totale sostegno dell’assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Savona, Barbara Marozzi: “La Consulta Studentesca sta svolgendo un ottimo lavoro di coordinamento e di supporto a tutti gli studenti della Provincia.
Questa iniziativa sarà fondamentale per individuare le problematiche ed apportare migliorie sull’ importante esperienza dell’alternanza scuola-lavoro. È necessario dare il pieno supporto a questi ragazzi, aiutarli a far sentire la loro voce”.

“Importantissima e non scontata sarà anche la presenza di Gabriele Cordì nella Capitale dal 6 al 9 maggio 2018 al CNPC (Consiglio Nazionale dei Presidenti delle Consulte) dove sarà inserito nella commissione alternanza scuola-lavoro nazionale.
Questo sondaggio savonese verrà utilizzato come campione e verrà confrontato anche con i dati provenienti dalle altre realtà nazionali. Sono sicura che questi ragazzi savonesi avranno notevole riscontro non solo a livello territoriale ma anche a livello nazionale, credo che dobbiamo ripartire dai giovani per rilanciare il nostro territorio” conclude l’assessore Marozzi.

Il sondaggio è raggiungibile a questo link

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.