IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

All’Ipercoop di Savona l’incontro “Alleviamo la salute: benessere per tutti in campo e a tavola”

Venerdì 6 aprile alle 16.30 la presentazione del progetto Coop che limita l’uso di antibiotici negli allevamenti

Più informazioni su

Savona. Venerdì 6 aprile alle 16.30, nella Sala Punto d’Incontro dell’Ipercoop di Savona, Coop Liguria organizza l’incontro pubblico dal titolo “Alleviamo la salute: benessere in campo e a tavola”.

Intervengono Enzo Bertolino, direttore soci e consumatori Coop Liguria; Valter Dini e Francesco Marucci, del dipartimento di prevenzione della struttura complessa di igiene degli alimenti di origine animale della Asl 2 Savonese.

Il progetto “Alleviamo la salute” promosso a livello nazionale da Coop punta a eliminare gli antibiotici dagli allevamenti per contrastare il fenomeno dell’antibiotico-resistenza, che costituisce un rischio per la salute dell’uomo.

L’uso degli antibiotici negli anni ha contributo al miglioramento delle condizioni di salute degli uomini e degli animali, garantendo il trattamento e la prevenzione delle malattie batteriche. Tuttavia al beneficio terapeutico è associato lo sviluppo di resistenze batteriche. L’antibiotico resistenza si è diffusa così rapidamente che è stata identificata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) come una delle più grandi minacce attuali per la salute globale. Già oggi la resistenza agli antibiotici e il loro uso scorretto sono responsabili nel mondo di oltre 700 mila decessi ogni anno. Alcune proiezioni indicano un aumento esponenziale dei decessi nei prossimi anni, con valori superiori a 10 milioni di morti l’anno entro il 2050.

Per contribuire a contrastare il fenomeno dell’antibiotico-resistenza, Coop, nei propri allevamenti, ha stabilito di: evitare trattamenti di massa o, comunque, limitarli a casi strettamente necessari, in maniera mirata, in seguito a diagnosi e prescrizione di un veterinario; selezionare gli antibiotici evitando l’utilizzo di quelli particolarmente importanti per la medicina umana al fine di prolungarne l’efficacia; richiedere e favorire buone pratiche di allevamento, affinché l’utilizzo responsabile dei farmaci in zootecnia divenga prassi consolidata. Coop, inoltre, ha chiesto a tutti gli allevatori di acquisire la certificazione CreNba sul benessere animale, perché gli animali allevati in condizioni ottimali si ammalano di meno.

Partito ad aprile del 2017, il progetto “Alleviamo la salute” ha già eliminato totalmente gli antibiotici dalle filiere del pollo e delle uova a marchio Coop. Il bovino Coop, sia al taglio, sia preincartato, è ormai al 100 per cento “allevato senza uso di antibiotici negli ultimi 4 mesi di vita”, così come il suino, inserito dalla metà di febbraio. I prossimi passi saranno aumentare il numero di mesi di non somministrazione degli antibiotici ai bovini e ai suini e trovare soluzioni che permettano di eliminare gli antibiotici anche dalla filiera del vitello, che è particolarmente problematica perché comprende animali giovani e dunque meno robusti e più soggetti ad ammalarsi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.