IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, il giudice Fiorenza Giorgi ed Irene Schiavetta presentano “Il mistero di San Giacomo” foto

Giovedì alle 18 la coppia di scrittrici sarà alla Feltrinelli Point per presentare il loro ultimo giallo

Savona. Si chiama “Il mistero di San Giacomo” ed è il nuovo giallo scritto a quattro mani dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Savona Fiorenza Giorgi e da Irene Schiavetta. Il libro, edito da Fratelli Frilli di Genova, sarà presentato giovedì 15 marzo, alle 18, alla libreria Feltrinelli Point di via Astengo a Savona.

L’evento, al quale parteciperanno entrambe le autrici, sarà introdotto da Graziella Frasca Gallo e sarà ad ingresso libero fino ad esaurimento dei posti. “Il mistero di San Giacomo” è il quinto volume della serie che è iniziata qualche anno fa con “Delitto alla Cappella Sistina” ed è proseguita con “Morte al Chiabrera”, “La sala nera” e “Omicidio in Darsena”.

“Ho apprezzato molto questo testo – ha affermato Carlo Frilli, che è al timone della casa editrice -. Schiavetta e Giorgi ci regalano una vicenda efficace, ben tratteggiata, dimostrando, rispetto ai libri precedenti, un ulteriore miglioramento che riempie di soddisfazione tutto lo staff della Fratelli Frilli”.

I protagonisti, il sostituto Sperinelli e lo storico collaboratore Mancini saranno alle prese con un enigma a tinte fosche, che prende avvio dopo il ritrovamento di due mummie, intervallato da momenti più rilassanti, quando ad esempio il Maresciallo incontra una bella commerciante. L’ambientazione, squisitamente savonese come è caratteristico della coppia di scrittrici, è nel complesso di San Giacomo, antico monumento che oggi purtroppo è in stato di abbandono, ma nella finzione letteraria è stato restaurato e restituito alla città, “con l’augurio – dicono le scrittrici savonesi – che presto dalla fantasia si passi alla realtà”.

Questa la trama del libro: “La chiesa di San Giacomo è stata finalmente restaurata e restituita alla città di Savona, dopo secoli di abbandono. Ma nel corso dei lavori si scopre un raccapricciante segreto: i cadaveri di una donna e di un neonato. Solo una medaglietta al collo della poveretta e il suo orologio da polso potranno consentire agli inquirenti, grazie all’aiuto dei cittadini, di ricostruire la vicenda e dare un nome alle misteriose mummie. Toccherà a Ludovica Sperinelli, Pubblico Ministero savonese, svelare il mistero e scoprire il legame tra il ritrovamento e l’inspiegabile, crudele omicidio di un anziano invalido. Non sarà sola in questa impresa: avrà al suo fianco il Maggiore Duccio Pratesi, uomo galante, esperto d’arte, e l’immancabile maresciallo Francesco Mancini, che collaborerà alle indagini, questa volta, un po’ distratto da un’avventura che gli farà battere il cuore. Verrà alla luce una vicenda di amore, viltà, disperazione e vendetta, disegnata a tratti vividi sullo sfondo di una Savona rivisitata”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.