IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piaggio Aerospace, licenziamento per 114 lavoratori. Convocato vertice al Ministero fotogallery video

La procedura avviata dall'azienda riguarda 80 lavoratori genovesi e 34 dello stabilimento di Villanova d'Albenga

Villanova d’Albenga. Agg h 21:00 E’ stato convocato in serata un incontro urgente presso il Ministero dello Sviluppo Economico sulla vertenza della Piaggio Aerospace con al centro la procedura di licenziamento per 114 lavoratori avviata dall’azienda e che sta già suscitando forti reazioni da parte dei sindacati e delle stesse istituzioni locali.

L’incontro al Ministero è fissato per lunedì 19 marzo, alle ore 17:00, alla presenza di Governo, Regione, azienda e rappresentanze sindacali.

Centoquattordici lavoratori Piaggio Aero, di cui 80 genovesi hanno ricevuto questa mattina le lettere di licenziamento. Si tratta di lavoratori che sono al momento tutti in cassa integrazione che scadrà il prossimo luglio. La conferma arriva da fonti sindacali.

“Ancora una volta le dichiarazioni rassicuranti dell’amministratore delegato non hanno nei fatti nessun riscontro, anzi si fa il contrario di ciò che si afferma. L’azienda si sente legittimata nel portare avanti il proprio Piano Industriale dalle dichiarazioni di accoglimento dello stesso, fatte dal Governo nell’ultimo incontro del 15 febbraio 2018 presso il Ministero dello Sviluppo Economico” affermano i sindacati di categoria Fiom, Uilm e Fim.

“La cessione della proprietà intellettuale del P180 e la sua evoluzione ad una sconosciuta Società Cinese, che dovrebbe garantire commesse e quindi il lavoro, nei fatti farà uscire Piaggio dall’essere una società velivolistica civile. L’azienda costruirà i velivoli civili sino a quando allo stesso converrà. Non ci risulta che esistano ad oggi accordi a tutela delle tante affermazioni generiche sentite”.

“L’azienda sostiene che non esiste lo spacchettamento ma contraddicendosi conferma che i motori sono in vendita, ad azienda italiana della quale anche in questo caso non si conosce l’identità dettagliata, ma si sa già che manterrà la sede a Villanova, i lavoratori italiani conoscono migliaia di aziende che cedono e promettono garanzie che restano ovviamente a carico di chi compra”.

“L’azienda straccia tutti gli accordi sottoscritti a garanzia del ridimensionamento della presenza su Genova, compreso gli impegni ad utilizzare le aree di Sestri Ponente per ricollocare i lavoratori, ma quel che è più grave cancella l’impegno sottoscritto nelle sedi Governative dell’assenza di esuberi. L’attivazione della procedura è un atto grave che chiama alla corresponsabilità diversi soggetti, primo tra tutti il Governo che ha continuato ad elargire milioni di euro a Piaggio senza pretendere in cambio un impegno minimo di garanzia occupazionale senza nessun licenziamento”.

“La Regione in quanto firmatario dell’accordo ministeriale non è uno spettatore la violazione degli accordi sottoscritti la coinvolge direttamente”.

I sindacati hanno chiesto un immediato incontro con l’azienda in merito alla procedura sui licenziamenti. Rabbia, in particolare, dalla Fiom genovese: “Vogliamo capire quali sono le reali intenzioni – spiega il sindacalista – e se la convocazione non arriverà immediatamente siamo pronti a scendere in piazza”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.