IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Manca un documento nella pratica di bilancio, salta (di nuovo) il consiglio comunale di Borghetto

Le minoranze: "Se non fosse una cosa seria, ci verrebbe da dire che stiamo sparando sulla croce rossa"

Borghetto Santo Spirito. “Se non fosse una cosa seria, ci verrebbe da dire che stiamo sparando sulla croce rossa”. Così i consiglieri di minoranza di Borghetto Santo Spirito Giancarlo Maritano e Maria Grazia Oliva (lista civica “In Cammino”) e Pier Paolo Villa e Daniela Guzzardi (lista civica “Liberiamo Borghetto”) commentano lo slittamento (il secondo in pochi giorni) del consiglio comunale che avrebbe dovuto discutere il bilancio di previsione 2018/2020.

L’assemblea si sarebbe dovuta tenere questo pomeriggio, ma è stata rinviata ai prossimi giorni. La motivazione pare essere la stessa che aveva determinato il primo rinvio: “Per la seconda volta nel giro di venti giorni, a seguito di una segnalazione dei gruppi di opposizione, la maggioranza che ‘tenta’ di amministrare Borghetto è stata costretta a rinviare il consiglio comunale sul bilancio a causa della mancanza (ormai reiterata) in allegato alla pratica, di una parte della documentazione richiesta dalla legge”.

“Immaginiamo già le reazioni del sindaco: ‘Vi siete attaccati a un cavillo’. Non è un cavillo signor sindaco: si tratta di documenti necessari ai consiglieri comunali, di opposizione ma anche di maggioranza, per esaminare una pratica fondamentale come quella del bilancio di previsione in modo serio e approfondito, nel rispetto dei propri elettori, senza votarla ‘per partito preso’. Già in occasione del precedente rinvio abbiamo avuto modo di avanzare più di un dubbio sulla spaventosa leggerezza (spaventosa se pensiamo ai problemi di bilancio dell’Ente) con cui l’amministrazione ha proceduto alla predisposizione di questa pratica”.

“Come appare ormai chiaro – proseguono i consiglieri – l’attuale giunta, all’interno della quale alcuni esponenti sembrano avvolti da un’aura di infallibilità, non pare esente da incapacità amministrativa. Caro sindaco e caro assessore al bilancio, dopo quasi un mese di tentativi non siete ancora riusciti ad effettuare una convocazione valida del consiglio comunale: bastava leggere con più attenzione l’articolo chiarissimo del Testo Unico degli Enti Locali che disciplina le modalità di convocazione e gli allegati obbligatori per evitare la nuova figuraccia a cui avete esposto la giunta e tutti i consiglieri di maggioranza, che forse inizieranno a chiedersi se i presunti infallibili sono davvero tali”.

“Con tutto questo, non intendiamo certo evitare di discutere il bilancio nel merito. Abbiamo già fatto diverse osservazioni sul piano delle alienazioni e ne faremo altre al momento opportuno. Per il resto attendiamo che finalmente si convochi un consiglio comunale in modo regolare e la discussione amministrativa possa procedere secondo i criteri della normalità. Vi ricordiamo che, qualora aveste intenzione di cambiare il vostro atteggiamento e decideste di coinvolgere i consiglieri di opposizione nell’iter di predisposizione ed esame delle pratiche utilizzando lo strumento delle commissioni consiliari, saremmo lieti di aiutarvi nel controllo preventivo della documentazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.