IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Anche il savonese sostiene la candidatura del pesto al mortaio come patrimonio Unesco

I Comuni aderiscono al progetto della Regione e per domenica 18 marzo ci saranno iniziative a tema in piazza

Provincia. Sono molti i comuni del savonese ad aderire al progetto della Regione per la candidatura del Pesto Genovese al Mortaio come patrimonio mondiale dell’Unesco, un’iniziativa che vedrà protagonisti i Comuni della Liguria domenica 18 marzo.

A Laigueglia, per l’occasione, sarà la Piazza Cavour il palcoscenico naturale delle iniziative nei seguenti orari: dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 15 alle 17. Ad organizzare l’evento sarà il Comune di Laigueglia in collaborazione con l’Associazione Creuza de Ma di Andora e le Associazioni laiguegliesi: Pro Loco, Mare e Mestieri e QuiLaiguelia.

“Sarà una giornata di festa nel nome di sua maestà il Pesto, con l’impiego di un originale green carpet per promuovere il basilico e tutto quello che questo meraviglioso prodotto rappresenta per la nostra bella ed unica Liguria”, fanno sapere dal Comune.

Nella giornata di domenica, interamente dedicata al pesto e alle sue peculiarità nella dieta mediterranea, è infatti in programma la scuola del pesto al mortaio dedicata a grandi e piccini con una degustazione da non perdere, con l’esposizione del “Baxeico Carpet”, ovvero un green carpet ispirato al tema del basilico che esalta sapori, cultura e tradizione della Liguria. Il Carpet ideato da Marco Gagliolo dell’Associazione Creuza de Ma di Andora, farà la sua prima uscita pubblica proprio a Laigueglia in questa importante occasione. Sempre in Piazza Cavour verrà riproposto in chiave originale anche il tradizionale gioco della Campana, in un divertente momento di aggregazione. Prevista infine una mostra multimediale presso la ex Delegazione di Spiaggia dove si potranno vedere e leggere: immagini, ricette e racconti della tradizione ligure legate al pesto.

Saranno messi a disposizione i mortai per chi desidera partecipare alla Scuola del Pesto e sarà anche possibile firmare la petizione regionale a sostegno della candidatura del Pesto al Mortaio quale Patrimonio mondiale dell’Unesco.

Il Pesto Genovese sarà il grande protagonista della terza edizione di “Sapori di Liguria”, la mostra-mercato enogastronomica organizzata dall’associazione Vecchia Loano con il patrocinio dell’assessorato a turismo, cultura e sport del Comune di Loano. La manifestazione si terrà sabato 17 e domenica 18 marzo dalle 9 alle 20 sul lungomare.

Negli stand si potranno trovare prodotti d’eccellenza tipici della nostra regione quali olio, olive, formaggi, salumi, pomodori, ortaggi, piante aromatiche, basilico, miele, aglio, alimenti sott’olio, focaccia ligure, dolci tipici. Senza dimenticare specialità savonesi quali il chinotto di Savona ed i funghi della Valbormida.

 

Oltre a rappresentare una vetrina per i prodotti del territorio, quest’anno “Sapori di Liguria” farà da volano per la raccolta firme organizzata per sostenere la richiesta di inserire la tradizione del Pesto al mortaio fra i beni immateriali dell’umanità Unesco.

Il Pesto Genovese farà bella mostra di sé per tutta la giornata di sabato 17 marzo, con la presenza di numerosi stand di aziende e realtà del territorio. Domenica 18 marzo alle 10 in Orti Maccagli i produttori loanesi daranno una dimostrazione pratica delle tecniche di preparazione della tipica salsa ligure. A seguire, a dare prova della loro abilità saranno grandi e piccini, che si cimenteranno in un piccolo “contest”. I concorrenti più “pittoreschi” saranno immortalati sul sito di “La mia Liguria”. Alle 15 è prevista un’esibizione dei Buio Pesto, testimonial del Pesto Genovese, a cui seguirà un’esibizione del corpo di ballo dell’Associazione Vecchia Loano LoaDance.

Anche il sindaco borghettino, Giancarlo Canepa, ha accolto con entusiasmo la proposta del presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, di aderire all’evento. Fino al 18 Marzo quindi Borghetto e la Liguria si coloreranno di verde-basilico, con un’intera settimana dedicata alla promozione del Pesto Genovese al mortaio

Uno dei momenti principali si svolgerà nella giornata conclusiva, domenica 18 marzo, quando sarà organizzata, in tutti i Comuni, la più ampia partecipazione dei cittadini. Prima di tutto sarà possibile sottoscrivere personalmente la candidatura come anche partecipare a un evento di piazza legato alla preparazione della famosa salsa verde, noto in tutto il mondo. L’obiettivo dell’iniziativa è la raccolta firme a cui saranno chiamati tutti i liguri, per sostenere la richiesta di inserire la tradizione del Pesto all’ UNESCO. E’ di grande rilevanza testimoniare l’interesse dell’intera nostra comunità a questo importante riconoscimento attraverso lettere di adesione, raccolta di firme, testimonianze ed eventi. La richiesta riguarda la salvaguardia dell’antica tecnica del mortaio e del suo valore storico e sociale e anche l’esperienza del Campionato Mondiale di Pesto Genovese al Mortaio quale “best practice” di interesse mondiale per le strategie di coinvolgimento delle persone, in particolare dei giovani.

“Il programma borghettino ha inizio già oggi ma avrà il suo apice Domenica 18 marzo dalle ore 9,00 in Piazza Madonna della Guardia. Oltre alla gara di pesto con mortaio prevista per le ore 10,30 e alla sottoscrizione alla candidatura per l’UNESCO, la giornata prevede: il mercatino degli agricoltori locali e dei prodotti tipici del territorio ligure; l’ infiorata tematica; la fattoria didattica del Vivaio Michelini di Borghetto, in collaborazione con i maestri intrecciatori di Coldirodi, insegneranno, a grandi e piccini, l’antica tradizione del “Permuelu”, le palme intrecciate destinate a essere benedette insieme ai ramoscelli d’ulivo la domenica prima di Pasqua; l’artista borghettino Simone Finotti che realizzerà dei mortai in legno; la dimostrazione di prodotti cosmetici biologici” spiegano dal Comune.

“Dopo la gara di pesto, vi sarà una trofiata di beneficenza gentilmente offerta dal Pastificio Delfino di Toirano. Vi saranno altre prelibatezze della tradizione culinaria ligure come le frittelle di baccalà. L’evento sarà allietato anche dalla: promozione cocktail al basilico realizzato da Gabriele Palumbo con il patrocinio dei bar di Borghetto; degustazione birre agricole in collaborazione con la “Taberna del Foro” di Albenga; intrattenimento musicale con Silvia Palazzini e per in più piccini con truccabimbi, palloncini e foto con lo spaventapasseri; mostra fotografica sulla tradizione agricola locale (sotto i portici di Via Colombo). Alle 17,00 in occasione della festa di San Giuseppe, titolare dell’omonimo Oratorio che si affaccia sulla piazza e patrono della Confraternita di Borghetto verrà celebrata la S.Messa a cui farà seguito la processione per le vie del centro storico. Un aspetto curioso è dovuto al fatto che si unisce nella stessa giornata il sacro con il profano, la tradizione con il sano desiderio di divertirsi e ritrovarsi insieme nella nostra meravigliosa piazza” concludono dal Comune.

Tutti sono invitati a partecipare alla gara, in palio ci sono simpatici gadget. Occorrerà che i concorrenti portino con se il mortaio.

A Celle Ligure si terrà “Firma e Pesta con noi” per sostenere la Candidatura del Pesto Genovese al Mortaio come Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Nella mattinata è previsto un originale flash mob durante il quale i primi 30 volenterosi, che si presenteranno nella Sala Consiliare di via Boagno 11 con mortaio e pestello, avranno il piacere di realizzare l’antica e originale ricetta genovese sotto la guida di un esperto.

Questo il programma: ore 10,30 – Registrazione dei partecipanti e distribuzione del materiale; Ore 10,45 – Introduzione all’evento a cura di Simonetta Chiarugi e Angelo Vanagolli 2° classificato al Campionato Mondiale del Pesto; ore 11,00 – Pronti, Pesto… Via; Ore 11,30 – Degustazione di Pesto Genovese al Mortaio e piccolo aperitivo aperto al pubblico. Sono tutti invitati a partecipare alla raccolta firme e a diffondere ed aumentare la visibilità dell’evento condividendo sui propri social fotografie accompagnate da #wordpestoday e #lamialiguria.

Anche il Comune di Quiliano è uno degli 86 comuni Liguri che hanno aderito all’iniziativa e che domenica 18 marzo organizzeranno “la pestata”. Piazza Caduti Partigiani ospiterà l’evento, organizzato in collaborazione con la Pro Loco Quiliano e lo Slow Food Condotta del Savonese che prenderà il via alle ore 10.30. Chi vorrà potrà, portando il mortaio da casa, anche cimentarsi personalmente nella preparazione del pesto e riceverà dei gadget brandizzati ad hoc (occhialini, grembiuli ecc..). E quando il pesto sarà pronto…un assaggio per tutti.

Nell’occasione tutti saranno invitati a mettere la propria firma per sostenere la richiesta di inserire la tradizione del Pesto al mortaio tra i beni immateriali dell’umanità UNESCO. Anche presso alcuni ristoranti di Quiliano sarà possibile degustare il pesto. Ecco dove: “Da Tina” Piazza Caduti Partigiani (informazioni e prenotazioni 019 887116), “La Fenice” – Via Viarzo 1 (019 887 8483) “La Pepita” – Via Ferro 1 – Roviasca (informazioni e prenotazioni 333 284 5836), “La Pergola” – Via Torcello 3 (informazioni e prenotazioni 019 882541), “Ristoro Camilia” – Parco di San Pietro in Carpignano (informazioni e prenotazioni 342 3193498), “Osteria Molini” – Via Molini 5 (informazioni e prenotazioni 366 934 4638).

Si “Firma e pesta” anche a Varazze. Domenica 18 marzo in piazza Beato Jacopo si terranno delle “lezioni” di pesto al mortaio che hanno anche l’obiettivo di sostenere la candidatura del Pesto Genovese al mortaio come patrimonio mondiale Unesco. La manifestazione vedrà la presenza del Gav e di Bruno Canepa, finalista al Genova Pesto World Championship della scorsa edizione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.