IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vado Ligure, salta la visita del ministro Calenda alla Sms Baia dei Pirati

Avrebbe dovuto presenziare all'incontro dal titolo “Ricominciamo a crescere. Le misure dello sviluppo: cosa abbiamo fatto, cosa faremo”

Vado Ligure. Non ci sarà il ministro per lo sviluppo economico Carlo Calenda all’incontro elettorale organizzato dal Pd savonese per domani pomeriggio alle 15.30 presso la Sms Baia dei Pirati di Vado Ligure. A causa di una riunione del consiglio dei ministri convocata con urgenza proprio per la giornata di domani, infatti, la visita di Calenda è stata annullata.

Nell’incontro di domani, dal titolo “Ricominciamo a crescere. Le misure dello sviluppo: cosa abbiamo fatto, cosa faremo”, si parlerà di risoluzione delle crisi occupazionali nel savonese, le opportunità offerte dall’area di crisi complessa con investimenti pubblici e nuovi insediamenti produttivi nel territorio, la piattaforma Maersk con al centro porto e logistica e il delicato e controverso tema delle infrastrutture stradali e ferroviarie necessarie per la crescita economica del territorio.

Lavoro, occupazione e crescita economica rappresentano punti essenziali del programma elettorale del Pd: saranno presenti tutti i candidati savonesi alla Camera e al Senato. Si parlerà delle misure e dei provvedimenti per il rilancio economico del territorio savonese e ligure.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Roy

    Era scontato, non e’ mica un ministro del popolo!
    Ancora per poco e dal 4 marzo non ne sentiremo piu’ parlare!