IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lunedì sciopero dei bus, i sindacati: “Provincia e Comuni stanno smantellando il sistema di trasporto locale”

Il servizio sarà interrotto in tre diversi momenti della giornata

Più informazioni su

Provincia. “Cari concittadini, la Provincia e le amministrazioni comunali stanno smantellando il sistema di trasporto della nostra città, già fortemente in difficoltà”. Così Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Faisa-Cisal tentano di “spiegare ciò che i cittadini non sanno” e le ragioni che hanno portato a proclamare, per lunedì 26 febbraio, uno sciopero del trasporto pubblico provinciale.

I lavoratori sciopero contro la procedura ad evidenza pubblica per l’affidamento in concessione del servizio di trasporto pubblico locale dell’Ato della provincia di Savona e la privatizzazione dell’azienda di trasporto pubblico Tpl Linea.

“Tutti quanti avete avuto modo di verificare il risultato del nuovo piano di revisione che Tpl Linea ha dovuto mettere in atto, con riduzioni di chilometri e aumento dei biglietti per compensare i minori contributi di Provincia e di alcuni grandi Comuni come Savona – spiegano i rappresentanti dei lavoratori rivolgendosi direttamente ai cittadini ed utenti del servizio – E ora dopo questo ennesimo sacrificio la volontà politica è quella di consegnare il servizio del trasporto pubblico in mano ai privati. Privati che ricercheranno i loro margini di guadagno sulla pelle dei lavoratori e sacrificando le esigenze dell’utenza, riducendo il servizio da e per le periferie”.

“Noi riteniamo che Tpl Linea debba restare una società pubblica a garanzia di tutti gli utenti e per un miglior servizio di trasporto anche grazie al reinvestimento degli utili in corse e bus nuovi. Qualunque privato anche se con le migliori intenzioni non sarebbe in grado anche solo per statuto di garantirci tali condizioni. I lavoratori di Tpl Linea in lotta a difesa del loro posto di lavoro e per mantenere in vita un bene comune”.

Circa le modalità dello sciopero, il personale viaggiante si asterrà dal lavoro da inizio servizio e fino alle 5 del mattino; dalle 8.30 alle 17.30 e poi dalle 20 fino a fine servizio. Il personale degli impianti fissi, invece, si asterrà dal lavoro per tutta la durata del turno. Nel resto della giornata Tpl Linea non potrà garantire l’esecuzione del servizio di trasporto pubblico. Non si escludono, inoltre, lievi disagi immediatamente prima e dopo le ore di sciopero programmato.

I sindacati, poi, hanno organizzato per giovedì primo marzo alle 21, nella Sala Mostre di Palazzo Nervi, un incontro pubblico dal titolo “Tpl verso dove?”. L’iniziativa e’ aperta alla cittadinanza, sindaci, amministratori locali e consiglieri comunali

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.