IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’Istituto Falcone e il Comune di Loano invitano gli studenti “Alla scoperta del territorio attraverso il gioco”

Il Pon del Miur viene finanziato con fondi sociali europei e ha l’obiettivo di migliorare l’inclusione scolastica e contrastare la dispersione

Loano. I Comuni di Loano e Borghetto Santo Spirito e l’istituto di istruzione superiore “Giovanni Falcone” di Loano hanno stipulato una convenzione per l’attuazione di “Progetti di inclusione sociale, lotta al disagio nonché per garantire l’apertura delle scuole oltre l’orario scolastico soprattutto nelle aree a rischio e in quelle periferiche”. L’iniziativa rientra nel Programma Operativo Nazionale (Pon) promosso dal ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca (avviso numero 10.862 del 16 settembre 2016).

Il Pon del Miur viene finanziato con fondi sociali europei e ha l’obiettivo di migliorare l’inclusione scolastica e contrastare la dispersione attraverso interventi didattici extracurricolari, cioè aggiuntivi all’orario delle lezioni, con aperture straordinarie della scuola anche nei giorni festivi e nei periodi di sospensione delle lezioni (ad esempio nei mesi estivi).

Il progetto promosso dal Falcone si intitola “Alla scoperta del territorio attraverso il gioco” e prevede lo svolgimento di 150 ore di attività didattiche aggiuntive articolate in cinque moduli. Il modulo A si intitola “Laboratorio creativo e artigianale per la valorizzazione delle vocazioni territoriali” e ha l’obiettivo di favorire la conoscenza del territorio attraverso tappe e stazioni; i moduli B e C mirano a favorire il “Potenziamento delle competenze di base” tramite la realizzazione di prodotti di informazione e comunicazione; i moduli D ed E riguardano la “Educazione motoria; sport; gioco didattico” e vedono la presenza del gioco e dello sport nelle diverse tappe e stazioni.

“Le istituzioni scolastiche – spiegano il sindaco di Loano Luigi Pignocca ed il vice sindaco con delega alla scuola Luca Lettieri – rappresentano il cardine principale attorno a cui ruotano tutte le altre istituzioni coinvolte nell’educazione e nella formazione dei più giovani come individui attivi della società, favorendo l’integrazione e contrastando l’abbandono degli studi. Ma la scuola ha anche l’obiettivo di mantenere il più possibile saldo il legame tra i ragazzi e la comunità in cui vivono portandoli ad approfondire la conoscenza del territorio, della sua storia e delle sue caratteristiche uniche. Il progetto promosso dall’istituto Falcone ha proprio questo fine: portarli ad interagire e conoscere meglio le altre istituzioni della società ed invogliarli a scoprire i tesori culturali e storici del nostro ricchissimo territorio in maniera diversa rispetto a quella tradizionale”.

Spiega la dirigente scolastica, Ivana Mandraccia: “Si tratta di un progetto molto ricco di stimoli didattici e culturali, che ha avuto inizio giovedì 15 febbraio presso il nostro istituto. Sabato 17 febbraio si è svolta la prima giornata di uscite sul territorio alla scoperta delle sue bellezze con la visita di Palazzo Pietracaprina a Borghetto e del Museo del Mare a Loano (qui si è svolto un laboratorio didattico dedicato ai nodi marinari), di Palazzo Doria e della Marina di Loano con attività didattiche presso la Capitaneria di Porto”.

“Nei prossimi fine settimana le visite si estenderanno ai Comuni di Boissano, Balestrino e Toirano, i quali hanno già aderito all’iniziativa. Seguiranno i laboratori di potenziamento grazie ai quali il lavoro di osservazione e studio del territorio sarà documentato con prodotti multimediali, locandine, brochure. Sarà infine ideato un percorso sportivo e ludico che collegherà tra di loro le diverse stazioni individuate dagli alunni nei territori dei Comuni interessati. L’ultima fase prevede poi la realizzazione di questo itinerario di sport e gioco accompagnato da stand espositivi che documentino il lavoro svolto da studenti, docenti e tecnici della scuola dando risalto al patrimonio naturale, artistico e storico di questo tratto della riviera e dell’entroterra ligure”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.