IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La Procura indaga sui “troppi” incidenti sulla A10, Cna soddisfatta fotogallery

"Non possiamo più astenerci dal definire gli autotrasportatori e gli utenti coinvolti, quali vittime vere e proprie di una situazione infrastrutturale gravemente deficitaria"

Savona. “Una decisione importante”. Così la Cna di Savona commenta la scelta della Procura di Savona che, dopo l’ennesimo incidente avvenuto nello stesso punto della A10 tra Albisola e Celle, ha deciso di aprire un fascicolo per “atti non costituenti notizia di reato” per fare luce su eventuali responsabilità alla luce della particolare “incidentalità” della tratta.

“La frequenza degli incidenti che vedono coinvolti mezzi pesanti e non solo sull’A10 è allarmante. Un vero campo di battaglia che la CNA di Savona ha più volte denunciato nei numerosi incontri davanti al Prefetto e che mette al centro della cronaca nera un tratta autostradale della nostra Regione assiduamente frequentata dagli autotrasportatori di merci e da autovetture private” proseguono dalla Confederazione Nazionale Artigiani.

“Siamo arrivati ad un punto tale – sostiene Aldo Contini, Presidente di CNA / Fita di Savona, che non passa ormai mese che quella tratta autostradale non finisca sulle pagine dei giornali per incidenti anche gravi”.

“Non possiamo più astenerci dal definire gli autotrasportatori e gli utenti coinvolti, quali vittime vere e proprie di una situazione infrastrutturale gravemente deficitaria – aggiunge Giuseppe Barberis, delegato territoriale per il settore merci di CNA Fita Savona – nei confronti della quale nulla possono i disincentivi messi a punto per limitare la velocità su quel tratto autostradale”.

“C’è un tratto, quello maggiormente sotto i riflettori, ove la carreggiata a tre corsie non permette il minimo spazio di manovra se non con il rischio di invadere le altre corsie e teniamo presente che stiamo parlando di un’autostrada già stretta, con molte curve e spesso battuta da vento forte. Se non si ricorrerà a misure urgenti purtroppo leggeremo ancora tante troppe notizie di questo genere” conclude Barberis.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.