IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Deceduto nel savonese Gino “Faccia d’Angelo” Cosentino, boss dei basilischi

Fu il fondatore dei "Basilischi", organizzazione criminale di tipo mafioso nata a Potenza ed estesasi negli anni successivi al resto della Basilicata

Provincia. E’ morto questa mattina nel savonese Giovanni Luigi Cosentino, noto come “Gino faccia d’angelo”. Fu il fondatore, nel 1994, dei “Basilischi”, organizzazione criminale di tipo mafioso nata a Potenza ed estesasi negli anni successivi al resto della Basilicata.

La famiglia dei basilischi prese vita nelle carceri di Potenza e Matera dove Cosentino, detenuto per altri crimini, allacciò (con la benedizione della ‘ndrangheta) i contatti necessari a riunire tutte le associazioni criminali attive in quel momento nella regione. Quella che aspirava a diventare la “quinta mafia” del meridione fu stroncata il 22 aprile del 1999 quando, in seguito a una soffiata del cognato di Cosentino, ne vennero arrestati i vertici.

Cosentino poi si pentì nel settembre 2007, quando raccontò di aver subito un attentato da parte di alcuni suoi fedelissimi. Pochi mesi dopo, il 21 dicembre, il tribunale di Potenza lo condannò a 21 anni di carcere (in totale i condannati furono 37 per una pena complessiva di 242 anni di detenzione). La pena dell’ex boss, nonostante la collaborazione con la giustizia, fu confermata in appello il 30 ottobre 2012.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.