IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dal Ministero oltre 4 milioni di euro per l’edilizia scolastica nel savonese

Previsti interventi nelle scuole di Albenga, Calizzano, Cisano sul Neva, Cengio, Noli, Pietra Ligure e Quiliano

Liguria. È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca del 21 dicembre 2017 che riporta l’elenco dei comuni beneficiari delle risorse stanziate ai sensi dell’articolo 1, comma 140 dalla Legge di Bilancio per il 2017.

Alla Liguria sono stati destinati circa 20 milioni di euro, su un totale di oltre un miliardo, per l’adeguamento alla normativa antisismica delle scuole e la messa in sicurezza. La Campania è la regione a cui sono state attribuite più risorse economiche: ben 149 milioni di euro.

I comuni liguri beneficiari del contributo sono 29 in tutta la Liguria. Nella provincia di Savona sono Albenga, Calizzano, Cisano sul Neva, Cengio, Noli, Pietra Ligure e Quiliano. In totale alla nostra provincia spettano 4 milioni e 160 mila euro di stanziamenti.

A Cengio andranno 995 mila euro, che serviranno per la costruzione di una nuova scuola per l’infanzia in piazza Furlotti. A Cisano sul Neva spettano un milione e 200 mila euro per la nuova palestra della scuola dell’infanzia e primaria di via Colombo. Ad Albenga andranno 350 mila euro per miglioramenti antisismici nella scuola secondaria di 2^ grado di viale Pontelungo.

A Calizzano spettano 50 mila euro che andranno a finanziare interventi vari nella scuola dell’infanzia, primarie e secondaria di primo grado di via Lambertini: i solai delle aule presentano in alcuni punti problematiche di sfondellamento per le quali sono necessari interventi di asportazione dell’intonaco e di rifacimento, con verifica degli elementi in laterizio. In altre aule sono necessari interventi di manutenzione e bonifica dei solai in cui sono state rinvenute criticità, al fine di azzerare gli eventuali rischi. Altri 250 mila euro serviranno per la verifica strutturale del solaio e della copertura della palestra, oltre che per gli interventi di rinforzo o sostituzione della stessa copertura.

A Noli sono stati assegnati 950 mila euro che serviranno a finanziare il consolidamento strutturale della scuola secondaria di primo grado di piazza Moro. A Pietra Ligure spettano 120 mila euro, che permetteranno di finanziare alcuni interventi alla scuola primaria di salita Suor Clementi: in particolare, è prevista la rimozione del controsoffitto originario e la realizzazione di un nuovo controsoffitto in lastre di cartongesso su struttura di acciaio. L’intervento prevede inoltre la posa dei nuovi controsoffitti ad una quota inferiore all’attuale e l’inserimento di nuovi punti luce a Led all’interno del nuovo controsoffitto. Questi interventi garantiranno sia una migliore gestione dei consumi energetici che il rispetto dei vincoli di illuminazione all’interno dell’edificio scolastico.

Infine, a Quiliano andranno 95 mila euro per l’asportazione e rifacimento delle parti di intonaco agli intradossi dei solai (che versano in precario stato di conservazione) e la tinteggiatura degli intradossi della primaria di via Bellotto. Altri 150 mila euro serviranno a finanziare un intervento simile alla scuola primaria di via delle Scuole.

Come rilevano il vicepresidente vicario di Anci Liguria, Rosario Amico, e il coordinatore della commissione scuola-edilizia scolastica, Luca Ronco, si tratta di “un contributo significativo ma non sufficiente, che tuttavia permetterà a 29 comuni liguri di iniziare a provvedere alla manutenzione degli edifici scolastici presenti in una regione, la Liguria, considerata a medio rischio sismico. Inoltre, non bisogna sottovalutare il problema della mancanza di fondi per la progettualità: ai comuni è demandato uno sforzo economico non indifferente, perché dotarsi di un parco-progetti efficace, da proporre ogni qualvolta si presenti l’opportunità di richiedere finanziamenti, ha un costo notevole e richiede tempo”.

“Lo stanziamento di 1,058 miliardi di euro proviene dal fondo investimenti da 46 miliardi di euro, istituito dalla Legge di Bilancio 2017, e finanzia due capitoli di spesa per il triennio 2017-2019: la prevenzione del rischio sismico (772 milioni di euro) e altri interventi di edilizia scolastica (285,6 milioni di euro)”.

Il decreto del Miur dà ai comuni beneficiari 18 mesi di tempo per l’approvazione dei progetti esecutivi degli interventi e l’aggiudicazione almeno provvisoria dei lavori. Tutte le procedure dovranno essere concluse entro il 20 agosto 2019.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.