IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I consiglieri del M5S restituiscono 100 mila euro di stipendi per le scuole liguri

Presentato questa mattina il progetto in Regione Liguria dai portavoce del Gruppo M5S

Più informazioni su

Liguria. I portavoce del MoVimento 5 Stelle Liguria donano 100mila euro di soldi derivanti dal taglio dei propri stipendi di consiglieri regionali e li stanzia per finanziare progetti per le scuole pubbliche secondarie della nostra regione, nell’ambito del bando nazionale del MoVimento 5 Stelle: “FacciAmo Scuola”.

È l’iniziativa lanciata da 9 gruppi regionali a 5 Stelle, a cui ha aderito anche il M5S Liguria, per un importo complessivo di 1 milione di euro di soldi restituiti ai cittadini e reinvestiti nella scuola pubblica italiana.

IL PROGETTO – Dal giugno 2017 ad oggi, i portavoce regionali liguri hanno rinunciato a oltre 100mila euro, che costituiranno il fondo per la creazione di progetti legati al mondo della scuola. In particolare, studenti, insegnanti, genitori e dirigenti scolastici potranno proporre progetti legati alla scuola del territorio che saranno finanziati ciascuno fino ad un massimo di 10mila euro, declinati su diverse finalità: riduzione dell’impronta ecologica; miglioramento dell’accessibilità ai plessi scolastici; miglioramento della fruizione della didattica, con particolare attenzione agli studenti con disabilità; acquisto di materiali e strumenti per la didattica; interventi di messa in sicurezza degli edifici; contrasto e riduzione della dispersione scolastica.

Il grande successo della Basilicata, apripista del progetto, ha convinto il MoVimento 5 Stelle a promuovere l’iniziativa anche in altre regioni: oltre alla Liguria, partecipano Campania, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Toscana, Umbria e Veneto.

COME FUNZIONA – I progetti da finanziare saranno scelti a seguito di una votazione su base regionale sulla piattaforma Rousseau. Nella valutazione dei progetti verrà attribuita una preferenza a quelli che prevedono un attivo coinvolgimento degli studenti e delle famiglie, sia in fase progettuale che, eventualmente e ove possibile, in fase realizzativa.

PER PARTECIPARE – Partecipare è semplicissimo: gli istituti scolastici interessati all’iniziativa dovranno inviare richiesta entro il 30 maggio 2018, compilando, in ogni sua parte, un apposito form raggiungibile QUI (https://goo.gl/forms/vaX6ahu5edRpt10i2) e inviando, tramite “upload”, la seguente documentazione:
1) sintetica descrizione (redatta in non più di 20 pagine compreso allegati), riportata su file formato pdf, del progetto che si intende realizzare con la donazione ricevuta (ammontante ad un massimo diecimila euro), indicando il nominativo del responsabile del progetto;
2) cronoprogramma orientativo delle attività, incluse le fasi progettuali ove necessarie;
3) apposita determina (o, in alternativa, una dichiarazione) vidimata e firmata dal rappresentante legale della scuola (dirigente scolastico), che contenga:
a) accettazione espressa della eventuale donazione disposta a favore dell’istituto
scolastico;
b) impegno vincolante a destinare le somme donate esclusivamente alla
realizzazione dell’iniziativa di cui al punto 1);
c) impegno, una volta ricevuta la somma, a rilasciare successiva quietanza
attestante l’incasso della somma donata;
d) impegno ad avviare l’esecuzione del progetto finanziato entro il termine di tre
mesi dal ricevimento della somma donata, pena la revoca della medesima
somma, salvo motivati casi di impedimento ad adempiere;
e) impegno a rendicontare le somme spese per la realizzazione del progetto,
inviando copia in pdf della documentazione contabile all’indirizzo di posta elettronica: facciamoscuola.m5s@gmail.com, nonché a restituire l’eventuale somma residua o non utilizzata che potrà essere successivamente destinata ai progetti ritenuti idonei nella graduatoria risultante dalle votazioni on line.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.