IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Paziente mieloleso ha bisogno di carrozzina “speciale”: acquistata grazie alla generosità del M.A.S.C.I. di Pietra foto

Dall'Unità Spinale Unipolare era arrivata una richiesta di aiuto che non è caduta inascoltata

Pietra Ligure. Per completare il suo iter riabilitativo una paziente straniera con lesione midollare dell’Unità Spinale Unipolare di Pietra Ligure aveva bisogno di acquistare una carrozzina con un sistema posturale ed un adeguato cuscino antidecubito. Una dotazione abbastanza costosa che, di norma, viene fornita dagli uffici distrettuali dedicati ma, nel caso di cittadini stranieri, questo non è possibile.

In aiuto della paziente dell’ospedale di Pietra Ligure è però intervenuta la comunità M.A.S.C.I. (Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani) di Pietra Ligure che ha acquistato il presidio medico (del costo di 2000 euro) e lo ha donato all’Unità Spinale Unipolare per la paziente che ne aveva bisogno.

“L’Unità spinale è una struttura di alta specialità, espressamente destinata all’assistenza delle persone con lesione midollare di origine traumatica e non. Ha il compito di effettuare la presa in carico della persona mielolesa a partire dal momento immediatamente successivo all’evento lesivo. La sua ‘missione’ è quella di far raggiungere al proprio paziente il miglior stato di salute, il più alto livello di capacità funzionale e la maggiore partecipazione sociale possibile, compatibilmente con la gravità del danno neurologico. Ovviamente è fondamentale, per l’inclusione sociale, dotare la persona mielolesa degli ausili necessari, quali la carrozzina, un sistema posturale, un adeguato cuscino antidecubito” spiegano dall’Usu di Pietra.

Per questo motivo dall’Unità spinale, tramite il Direttore e la Coordinatrice dei fisioterapisti, sono stati contattati i volontari della comunità M.A.S.C.I. (Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani) di Pietra Ligure che da anni, nell’ultimo sabato e domenica del mese, vendono ad offerta libri e vestiti usati donati dalla popolazione. Con il ricavato, oltre ad acquistare e a distribuire mensilmente generi alimentari per i bisognosi, danno il loro contributo dove ritengono sia più necessario.

Dopo le alluvioni e i terremoti (Vara, Sardegna e centro Italia) durante i quali hanno inviato direttamente aiuti tramite contatti nelle zone, hanno acquistato un defibrillatore per Pietra Medica ed uno per la Pubblica Assistenza Pietra Soccorso. Hanno inoltre contribuito ad attrezzare un’auto medica, sempre per la stessa P.A. e all’acquisto di vetri anti sfondamento per una casa di ragazzi down in Albenga.

Stavolta il Masci si è reso disponibile appunto all’acquisto di una carrozzina che ha permesso al paziente mieloleso di terminare compiutamente il suo iter riabilitativo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.