IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finale, il distaccamento dei vigili del fuoco intitolato a Ermano Fossati: “Il giusto riconoscimento al suo eroismo” fotogallery

Il capo squadra dei pompieri finalesi era tragicamente scomparso in servizio nel 2010

Finale Ligure. Si è tenuta questo pomeriggio, alla presenza dei famigliari, del sottosegretario del ministero dell’interno Giampiero Bocci e di altre autorità militari e civili, la cerimonia di intitolazione del distaccamento dei vigili del fuoco di Finale Ligure alla memoria del capo squadra Ermano Fossati, scomparso tragicamente in servizio nel 2010.

Il distaccamento vigili del fuoco di Finale intitolato a Ermano Fossati

Alla cerimonia erano presenti, tra gli altri, rappresentanti del corpo dei vigili del fuoco provenienti da Genova e da altre regioni italiane, delle forze dell’ordine, della protezione civile, delle pubbliche assistenze, del Comune di Finale Ligure e di altri Comuni del territorio, il questore di Savona Attilio Ingrassia, il vescovo di Savona-Noli Calogero Marino.

Ermano Fossati, scomparso all’età di 52 anni, era molto noto nel comprensorio finalese non solo per il suo servizio come vigile del fuoco, ma anche per la sua partecipazione alle attività di Orco Feglino, suo paese di residenza. Era stato nominato nel ruolo dei vigili del fuoco il 22 marzo 1984 ed assegnato al comando provinciale di Imperia. Il primo gennaio 1995 aveva assunto la qualifica di capo squadra e dal primo agosto 1996 era stato assegnato al comando provinciale di Savona. Il primo gennaio 2006 aveva assunto la qualifica di capo squadra esperto.

A scoprire la targa il sottosegretario del ministero dell’interno Giampiero Bocci e Gabriella Veronese, vedova di Fossati, hanno scoperto la targa con cui il distaccamento di Finale Ligure è stato ufficialmente intitolato al vigile del fuoco scomparso.

Per il comandante provinciale dei vigili del fuoco di Savona, Vincenzo Bennardo, questa cerimonia rappresenta “il riconoscimento dell’atto eroico compiuto da un caposquadra, scomparso mentre era in servizio. L’intitolazione di una caserma (tra l’altro quella in cui Fossati ha prestato servizio e in cui prestava servizio al momento dell’incidente) è molto importante non solo per il personale del distaccamento di Finale ma anche per il tutto il comando provinciale di Savona ed il corpo nazionale dei vigili del fuoco. Il fatto che ci sia il sottosegretario e la vedova insieme coi vertici regionali e nazionali del corpo dei vigili del fuoco fa capire quanto sia forte la considerazione nei confronti del nostro lavoro”.

A distanza di oltre sette anni, l’eroismo di Fossati non è stato dimenticato: “Nessuno ha dimenticato – conferma Bennardo – Non hanno dimenticato i colleghi e non hanno dimenticato i cittadini, che vogliono bene ai vigili del fuoco e ai loro caduti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.