IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Basket Loano Garassini, 10 anni di vita. Marco Vignola: “Un lungo percorso ricco di soddisfazioni”

Il presidente della società loanese traccia un bilancio e ricorda i momenti più significativi dell'attività

Loano. Per il Basket Loano E. Garassini il 2017 sarà da ricordare come l’anno in cui si completa quel percorso di crescita societaria iniziato dieci anni prima un po’ per gioco, ma anche e soprattutto per la tanta passione verso il basket che accomunava tre amici uniti dallo sport.

Nel 2007, durante una delle solite ribotte improvvisate alla fine di una partita dei propri figli, Bira, Marco e Rino prendono la decisione di rifondare il Basket Loano e di dedicare la società al ricordo del maestro Elio Garassini, grande insegnante e fondatore del minibasket loanese negli anni sessanta.

A distanza di dieci anni dal quel momento carico di sogni e di emozioni, la società oggi è diventata adulta, completa di tutte le categorie giovanili e rappresentata nel campionato di Serie D dalla sua prima storica formazione seniores.

Le parole del presidente Marco Vignola: “Se siamo riusciti a completare questo progetto sportivo, nonostante le numerose difficoltà incontrate, questo lo si deve alla determinazione e caparbietà di tanti appassionati che hanno collaborato durante questi anni, dagli allenatori ai dirigenti, dagli atleti in campo ai genitori sugli spalti. È stato un percorso lungo e complicato, anche costellato da errori, che ha dovuto fare i conti con la scomparsa prematura nel 2010 del nostro caro Rino, ma che è stato comunque ricco di soddisfazioni agonistiche ed umane“.

Il Basket Loano Garassini nel corso di questi anni, scavalcando il preconcetto sterile del campanilismo sportivo, ha voluto fortemente condividere con altre società questo percorso di crescita agonistica stringendo importanti collaborazioni con l’Imperia Basket Riviera dei Fiori, il Basket Albenga ed il Basket Club Ceriale, dove i ragazzi sono sempre stati messi al centro del progetto. Siamo riusciti a creare un ambiente sano di lavoro in cui l’impegno e la passione hanno saputo sopperire alla mancanza di mezzi economici ed alla scarsità di atleti a disposizione”.

Fiore all’occhiello del lavoro svolto è stato senza dubbio la valorizzazione del talento di casa Tommaso Oxilia, oggi atleta della Virtus Bologna in prestito all’Assigeco Piacenza in Serie A2, recente vincitore della medaglia d’argento ai Mondiali Under 19 in Egitto.

Questi sono alcuni tra i principali traguardi sportivi raggiunti in questi dieci anni dalle formazioni loanesi:
campioni regionali Esordienti: annate 1998/1999
campioni regionali Under 13: annate 1998/1999, annate 2004/2005
campioni regionali Under 18: annate 1998/1999
Coppa Liguria Under 18: annate 1999/2000
vicecampioni regionali Esordienti: annate 1997/1998
vicecampioni regionali Under 14: annate 2003/2004
vicecampioni regionali Under 15 Élite: annate 1997/1998

“Per concludere – prosegue Vignola – vorrei dedicare qualche riga sull’esperienza in assoluto più coinvolgente vissuta fino ad oggi dalla nostra società: l’avventura della squadra Under 15 Élite nella stagione sportiva 2011/2012. Questa formazione, frutto della collaborazione con il Basket Imperia, ha ottenuto sorprendentemente il secondo posto nel girone regionale alle spalle del DLF La Spezia qualificandosi per lo spareggio interregionale. L’avversaria da affrontare a Bologna in campo neutro è la blasonata e fortissima formazione della Virtus Siena, tra le candidate al titolo nazionale di categoria. La partita contro i giganti toscani è epica, condotta sempre in avanti dai nostri ragazzi grazie ad una grande difesa ed un veloce contropiede”.

“Il risultato finale di 79 a 67 a favore del Basket Loano non ammette repliche e regala alla nostra formazione l’accesso all’interzona nazionale nel girone con l’Eurobasket Roma, la Juve Caserta ed il Basket Ragusa. Per poter accedere alle finali nazionali di Desio tra le Top 16 d’Italia il Basket Loano deve arrivare tra le prime 2 del raggruppamento. Nella prima partita affrontiamo la squadra siciliana del Basket Ragusa e, dopo una condotta di gara accorta e regolare, si riesce ad ottenere una convincente e ben augurante vittoria con il punteggio di 66 a 53. Il successivo incontro contro l’Eurobasket Roma ci fa tornare con i piedi per terra. La fortissima formazione laziale, gioca con una intensità fuori dal comune e vince meritatamente 71 a 52”.

“La terza e conclusiva partita contro la Juve Caserta, appaiata in classifica alla nostra formazione, diventa il classico dentro o fuori. La partita è tiratissima, la tensione in campo è molto elevata per la posta in palio e le difese la fanno da padrona. L’equilibrio viene spezzato a 8 secondi dalla fine da un improbabile tiro di un giocatore casertano che decreta il primo e decisivo sorpasso della formazione campana nell’intera partita. L’estremo tentativo del Basket Loano di conquistare le finali nazionali si infrange sul ferro a fil di sirena con il risultato finale di 43 a 42. Questa meravigliosa avventura racchiude in me un doppio stato d’animo: la mia più grande delusione ma anche la prima grande soddisfazione da presidente del Basket Loano”.

“Ricordo molto bene i ragazzi loanesi che facevano parte del roster Under 15 perché sono stati i primi tesserati dalla neonata Società: Burlando Simone, Carrubba Filippo, Fumagalli Riccardo, Oxilia Tommaso, Poggi Mattia, Rigardo Marco e Vignola Edoardo sotto la guida dei coaches Carlo Risso e Vincenzo Graziani. Considero la pallacanestro uno degli sport più affascinanti ed adrenalinici in assoluto perché ha una peculiarità comune a poche altre discipline: il risultato di una partita può sempre essere messo in discussione negli ultimi secondi di gara. Ed il Basket Loano, con amarezza, lo ha potuto provare sulla propria pelle contro la Juve Caserta”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.