IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, il Pd denuncia: “Stangata sulle tariffe degli impianti sportivi. E la Veloce perde la gestione del Levratto”

"Colpiti in particolar modo saranno i singoli cittadini, le scolaresche, i gruppi amatoriali"

Savona. Da un minimo del 10 per cento ad un massimo dell’80 per cento. A tanto ammontano i rincari sulle tariffe degli impianti sportivi comunali savonesi con i quali dovranno fare i conti, dal prossimo anno, gli abitanti della città della Torretta.

A denunciarlo sono il segretario comunale del Pd di Savona Roberto Arboscello e la capogruppo del Partito Democratico in consiglio comunale Cristina Battaglia: “Anno nuovo, altra amara sorpresa per i savonesi – dicono i due esponenti Dem – Dal nuovo anno i savonesi che vorranno fare sport nelle strutture comunali si troveranno a dover pagare tariffe più care da un minimo del 10 per cento a un massimo dell’ 80 per cento. Colpiti in particolar modo saranno i singoli cittadini, le scolaresche, i gruppi amatoriali. Quindi ancora una volta questa amministrazione mette mano nelle tasche dei cittadini, giustificando tale scelta con la necessità di aiutare le società sportive e con il fatto che l’amministrazione avrebbe fatto interventi di restyling degli impianti. E ancora una volta noi siamo a contestare scelte come queste. Lo sport è salute, benessere, svolge un ruolo sociale per la popolazione. Colpire lo sport significa smantellare quello che per anni è stato un orgoglio e un fiore all’occhiello per Savona”.

“E aggiungiamo che questa amministrazione può continuare a fare scelte che colpiscono le tasche delle famiglie savonesi ma senza cercare improbabili giustificazioni. Le società sportive sono una risorsa per la città e devono essere aiutate  (lo sosteniamo da sempre) ma non in questa maniera. Qualche giorno fa abbiamo incontrato i dirigenti della Veloce, storica società calcistica, alcune di quelle tante persone che hanno dedicato tempo e energie di una vita non per il calcio ma per quei tanti bambini e ragazzi che sono passati e cresciuti sul Levratto. Oggi dopo anni quel campo sportivo non sarà più gestito dalla Veloce. Un fulmine a ciel sereno per i granata, arrivato dopo una gara del Comune di Savona che ha aggiudicato l’impianto alla società Priamar. Nulla contro gli amici del Priamar, anzi un elogio anche a loro per il lavoro che stanno svolgendo, e neanche vogliamo  entrare nel meccanismo della gara e nella determinazione dei punteggi, cosa che credo abbia diritto di fare e che farà la Veloce, ma quello che ci domandiamo è se chi amministra la città si è reso conto delle conseguenze. La Veloce si troverà a dover pagare l’utilizzo del campo ad ogni allenamento e ad ogni partita di tutte le sue squadre, dalla scuola calcio alla prima squadra. A quanto riporta un dirigente una cifra di circa 60/80.000 euro l’anno vista la numerosità dei tesserati. Tradotto: probabilmente una società storica come la Veloce scomparirà”.

Arboscello e Battaglia si chiedono: “È normale che una società sportiva costituita da volontari che per decenni hanno fatto sacrifici per mantenere un impianto e che hanno svolto con dedizione un’attività più sociale che sportiva sia costretta a chiudere? È normale che un amministratore lasci che ciò avvenga senza svolgere un minimo di azione politica che gli compete? Nella gestione di un comune ci sono due parti: la parte politica (sindaco, giunta, consiglio) e la parte amministrativa. Quando una delle due è debole l’altra prevale, facendo si nel caso specifico che una società storica che per noi (ma forse solo per noi e non per il cdx ed è questo il vero problema) svolge un’importantissima azione sociale probabilmente sparisca.

Segnale che questa giunta con la sua leggerezza e incompetenza sta demolendo quella rete sociale che è sempre stata un pilastro fondamentale per il Partito Democratico savonese”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da anto03

    se la veloce fallisce e’ per l’incopetenza dei suoi dirigenti che sono sempre quelli dei vecchi fallimenti……cavalcano l’onda

  2. Scritto da anto03

    i dirigenti della Veloce vorranno come altre volte in passato far fallire la societa’……non contiamo balle…..l’han gia fatto in passato e sono sempre gli stessi