IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ordinanza cani a Savona, il sindaco rilancia il vademecum per proprietari di cani della Cassazione fotogallery video

Il primo cittadino risponde alle polemiche: "I contenuti della nostra ordinanza sono in linea con quanto stabilito dalla giurisprudenza"

Savona. “Il proprietario deve mettere in atto una attenta vigilanza sui comportamenti dell’animale. Deve limitarne libertà di movimento in modo che non sia totale, se del caso tenendolo con un guinzaglio. Deve intervenire con atteggiamenti tali da farlo desistere – quantomeno nell’immediatezza – dall’azione e, nell’impossibilità di vietare al cane di fare pipì è bene portarsi dietro una bottiglietta d’acqua per ripulire.

A dichiararlo non è l’amministrazione comunale di Savona, ma la Corte Suprema di Cassazione”. Così afferma il Sindaco di Savona Ilaria
Caprioglio, menzionando la sentenza n. 7082 del 2015, la quale aveva stilato un “vademecum” per proprietari di cani, a seguito di un episodio avvenuto nel centro di Firenze, al fine di “ridurre il più possibile il rischio che questi possano lordare i beni di proprietà di terzi quali i muri di affaccio degli stabili”.

“Diversamente”, si legge nel testo del documento, “si può imputare al proprietario “sciatteria o imperizia nella conduzione dell’animale”, tutte situazioni riconducibili “a colpa ma non certo al dolo”.

“I contenuti della nostra ordinanza – che, come ribadito più volte, non è contro gli animali, ma serve a contrastare e prevenire comportamenti che causano degrado – ricalcano il senso del vademecum della Cassazione”, spiega ancora il sindaco. “Spiace apprendere che qualcuno abbia frainteso o voluto fraintendere la natura del provvedimento. L’obiettivo, che dovrebbe essere condiviso da chiunque, è avere una Città più pulita e più decorosa, accogliente per i cittadini e per i turisti. Per ottenere questo traguardo, serve la collaborazione da parte di tutti, così che ognuno faccia la propria parte, con spirito costruttivo e per il bene del territorio”, aggiunge.

“Raramente apprezzo i ‘boicottaggi’, ancor meno quando riguardano i commercianti della nostra città, che lavorano onestamente e che fanno fronte alle tante difficoltà della crisi economica. Nessuno è contro i cani, così come a nessuno piace passeggiare sotto i portici o su marciapiedi imbrattati di deiezioni e minzioni canine: è una questione di comportamenti responsabili e di civiltà”, conclude il sindaco di Savona Ilaria Caprioglio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da postmeridian68

    l’ordinanza non sarà perfetta e non sarà mai interamente condivisa da tutti, ma è educativa, di buon senso, orientata al rispetto del bene pubblico, e non limita la libertà di movimento di alcuna persona o animale. Vista la diffusa ed evidente mancanza di educazione dei proprietari di animali, simili ordinanze andrebbero estese su tutto il territorio appena possibile.

  2. Scritto da maxnew

    Innanzitutto vorrei precisare che una sentenza della Cassazione penale non è una legge dello Stato, ma fa testo soltanto per quello specifico processo che vedeva processato per imbrattamento un proprietario di un cane colpevole di aver usato la bottiglietta di acqua per pulire l’urina del cane: l’immobile interessato era a Firenze ed era di rilevante interesse architettonico. E’ una sentenza unica nel suo genere.
    Non trattasi nemmeno di un orientamento giurisprudenziale consolidato non trattandosi di Sezione Unite delle Cassazione.
    Qui non si vuole capire che l’ordinanza comprime la libertà costituzionale di movimento dei cittadini, è contro gli animali (trascinarli in mezzo alla strada pur di non sporcare…). Si potrebbe imporre l’uso del pannolone per cani. Il fatto che si vuole coprire la carenza di controlli (peraltro presente in tutta la città, mai così forte in questi ultimi tempi, la mancanza di pulizia comunale) e la non presenza della istituzioni. E’ facile buttare giù due righe ed atteggiarsi a Legislatore, meno facile è far effettuare i controlli necessari al personale interessato.
    Non ci sono soldi, non ci sono vigili, ecc… fare due righe sconclusionate è gratis.