IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Le associazioni di IVG.it - Polisportiva del Finale A.S.D.

Informazione Pubblicitaria

L’Aiki Dojo domenica 17 dicembre festeggia 20 anni di attività a Finale Ligure

Per l'occasione meditazione ad ingresso libero, lezione per bambini e adulti ed Embukai aperta al pubblico

Più informazioni su

Per festeggiare il Ventennale dell’attività dell’Aiki Dojo di Finale Ligure, Domenica 17 Dicembre 2017, presso la Palestra dell’Istituto Alberghiero di Finale Ligure, il Maestro Giampaolo Cenisio 5° Dan dell’Aikikai D’Italia e Presidente della sezione Aikido della Polisportiva del Finale A.S.D., organizza uno stage di Aikido con diversi eventi che caratterizzeranno questa giornata, per condividere con tutti, adulti e bambini, i vari aspetti che caratterizzano questa pratica.

La giornata inizia alle ore 10.00 con un’ora di meditazione, (Kinorenma), gratuita per gli adulti ad ingresso libero. Poi si proseguirà con due lezioni dedicate agli Aikidoka e a concludere alle ore 17.00 un’ora di Embukai, ovvero una dimostrazione di Aikido aperta al pubblico a cui seguirà un rinfresco.
E’ previsto un pranzo che si terrà presso un Ristorante Giapponese: per chi fosse interessato al pranzo effettuare la prenotazione a Silvia Puppo cell. 340-8401831.

L’Aikido non è solo uno sport di difesa e di combattimento, ma attinge all’arte marziale nella sua accezione più tradizionale, volta a raggiungere un’ottimale condizione sia fisica che mentale, mirata a risolvere il conflitto e gestire l’aggressività in modo non distruttivo, perchè mira alla pace e non alla violenza.

Un po’ di storia dell’ Aiki Dojo…
La scuola di Aikido a Finale Ligure viene aperta venti anni fa grazie all’iniziativa del Maestro Cenisio e di Bruno Trotta che già da anni praticavano Aikido nel Dojo di Albenga. Grazie anche al supporto ed alla collaborazione del C.S.A. Albenga, Cenisio e Trotta, iniziarono a tenere corsi nel finalese sotto la guida del maestro Benso Francesco, dando vita ad un nuovo dojo di Aikido a Finalpia, era il 1997. Nel tempo gli Aikidoka finalesi, hanno vissuto il susseguirsi di molte vicessitudini e difficoltà nel trovare un posto stabile dove praticare, per cui la sede del Dojo si è spostata diverse volte, fino a trovare il sostegno della Polisportiva del Finale A.S.D., che ha favorito la nascita di una nuova organizzazione e ha dato la possibilità di trovare una sede stabile, favorendo un maggiore sviluppo delle attività e delle manifestazioni, oltre che la possibilità di consolidare sempre di più l’identità dell’Aiki-Dojo di Finale Ligure, fornendogli anche quella che è attualmente la sede, la palestra dell’Istituto Alberghiero, da molti anni.

“Sono stati molti, negli anni, i Maestri che hanno tenuto stage o lezioni presso la nostra scuola di
Aikido e che ci teniamo a ringraziare: Francesco Benso (Responsabile del C.S.A. Albenga),
Mimma Turco (Dojo Ronin, Ranzo ), Simone Terravecchia (C.S.A. Albenga.), Carlo Raineri
(scuola di Aikido – Imperia), Hideki Hosokawa (Direttore Didattico dell’Aikikai d’Italia), Franco
Zoppi (Dojo Nippon – La Spezia), Auro Fabretti (Scuola Aikido Savona), mentre quest’anno
saremo lieti di ospitare Donatella Lagorio (Aikikai Trento)”, dice il Maestro Cenisio.
“Per quanto riguarda la didattica nel nostro Dojo” continua Cenisio, “il principale Maestro di riferimento è sempre stato il nostro Direttore Didattico Hiroshi Tada 9th Dan, (da cui traiamo sia
le linee guida per la parte tecnica, che quelle per i metodi legati alla meditazione), che ha saputo
sviluppare e rendere accessibile anche a noi occidentali la pratica del Kinorenma. Sono colpito dal
fatto che quando iniziai a praticare aikido il Maestro Tada avesse la mia età, e ancora di più dal fatto che ora che ha 88 anni continua a tenere stage con lo stesso entusiasmo e incarnando un
insegnamento che è sicuramente non solo legato all’aikido, ma che diviene un insegnamento di vita” racconta ancora il Maestro Cenisio.
Durante questi anni di pratica a Finale Ligure, si sono formate diverse cinture nere, alcune delle
quali fanno attualmente parte del Consiglio Direttivo della Sezione Aikido della Polisportiva del
Finale, Pier Nicola Ninci, Luca Malatesta e Roberto Vidimari. Quest’ultimo è diventato a sua volta
Responsabile del Dojo di Tovo San Giacomo dove insegna ai bambini e tiene corsi di autodifesa per
donne, a Finale si dedica in particolare ai corsi per bambini in età prescorale dai 3 ai 5 anni. Del
consiglio fa parte anche Silvia Puppo che è stata una delle prime allieve del nostro Dojo praticando
già con i bambini e continuando con gli adulti.

Le lezioni per i bambini…
Scopo dell’Aikido è giungere ad un’armonizzazione delle energie, nel bambino si traduce in primo
luogo nella capacità di modulare la propria aggressività, in modo da farla diventare una risorsa e
non fonte di conflitti; acquisendo un maggior autocontrollo in un clima di cooperazione reciproca.
Gli obiettivi sono:
– aumentare la percezione, coscienza, e conoscenza del corpo, attraverso: la respirazione, la percezione del proprio ritmo, gli spostamenti, la coordinazione oculo-manuale, l’attenzione ai propri sensi;
– migliorare l’organizzazione spazio-temporale e l’orientamento nello spazio, attraverso: esercizi che evidenzino le dimensioni aperto-chiuso / dentro,fuori / alto,basso / sopra,sotto / vicino,lontano / ed eseguendo giochi ritmati e di imitazione;
– promuovere la relazione ed il contatto con il compagno attraverso tecniche basate sulle prese, che rendono necessario modulare la propria attività in relazione al partner, sviluppando una modalità relazionale equilibrata ed armonica;
– Favorire lo sviluppo di un buon clima di gruppo, per mezzo: di una pratica non competitiva che eviti il richiamo della dimensione vincitore/perdente, giusto/sbagliato; proponendo giochi che sostengono l’aspetto ludico, ma che richiedano il coinvolgimento, l’acquisizione di responsabilità da parte di tutti i partecipanti per andare a buon fine, migliorando gli aspetti cooperativi.

Le lezioni per gli adulti…
L’Aikido (Via dell’armonizzazione delle energie) è una disciplina del corpo, della mente e dello
spirito. L’ideogramma Do che compare nel nome della disciplina si può infatti tradurre con Via,
cammino di crescita interiore; mentre Ai significa armonia e Ki energia, spirito. Non è un caso
infatti che lo Stato Italiano abbia riconosciuto all’associazione Aikikai d’Italia, lo status di Ente
Morale (Dpr 7-8-78 n.526). Benché infatti sia un’Arte basata sulla pratica fisica essa insegna una
filosofia di vita che tramanda gli elementi essenziali della tradizione e della cultura Giapponese dei
samurai. Una lezione tipo inizia con il saluto di ringraziamento al fondatore e tra il Maestro e gli
allievi; seguono gli esercizi di concentrazione e respirazione, e poi una ginnastica preparatoria per
allungare i muscoli, riscaldare le articolazioni e rilassare il corpo. Dopo si prosegue con lo studio
delle cadute essenziali per non subire infortuni, l’apprendimento degli spostamenti di base e infine
l’allenamento delle tecniche di difesa per rafforzare l’hara (cioè il baricentro psicofisico di ogni
essere umano) e sviluppare il Ki (cioè l’energia interna) con proiezioni, immobilizzazioni e leve.

Quest’anno, oltre le ordinarie lezioni, il Dojo proporrà diversi stage per adulti, uno stage per bambini ed i Camp residenziali per bambini e ragazzi. Il Maestro Responsabile del Dojo è il Dr. Giampaolo Cenisio cintura nera 5° Dan dell’Aikikai d’Italia, psicologo e psicoterapeuta, che ha pubblicato diversi articoli sull’Aikido come forma di terapia corporea.

Per ulteriori informazioni potete cercare la nostra pagina FaceBook – Aiki Dojo Finale Ligure – visitare il nostro Sito Internet, www.aikidoincrescita.it, quello istituzionale dell’Aikikai D’Italia, www.aikikai.it o quello della Polisportiva del Finale A.S.D. di cui facciamo parte da molti anni, www.polisportivadelfinale.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.