IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I comandanti di ItalianYachtMasters a convegno a Marina di Loano

I lavori hanno consentito di stilare il consuntivo di un anno intenso di attività dell’associazione

Loano. ItalianYachtMasters, l’associazione che riunisce e rappresenta i Comandanti Italiani di superyacht, promuovendone l’immagine e la professionalità, ha riunito ieri alla Marina di Loano, i suoi soci e i rappresentanti delle 40 aziende di settore che collaborano con l’associazione. I lavori hanno consentito di stilare il consuntivo di un anno intenso di attività dell’associazione e di tracciare le linee guida delle attività per 2018.

Massima attenzione e rispetto dell’ambiente, formazione dei Soci, analisi delle novità normative come il nuovo Codice della nautica recentemente approvato e un’iniziativa di aiuto a favore delle popolazioni colpite dall’ uragano Irma: questi i temi principali affrontati.

In occasione del recente Captains Day, l’annuale meeting dell’Associazione, che si e svolto quest’anno allo Yachting club di Montecarlo il 25 ottobre scorso, i Comandanti di ItalianYachtMasters hanno ufficializzato il loro impegno già operativo nei fatti da tempo, volto a difendere e a preservare l’ambiente marino in tutte le sue forme. “Siamo uomini di mare – ha dichiarato il Presidente di ItalianYachtMasters, il Comandante Gino Battaglia – viviamo e lavoriamo ogni giorno in questo ambiente e doverosamente ci impegniamo personalmente a difenderlo e a diffonderne la cultura del rispetto. A Montecarlo abbiamo voluto rendere pubblico questo nostro impegno lanciando il programma “ItalianYachtMasters steering to green”. Massima attenzione dunque da parte nostra alle emissioni e gli scarichi sia di oli che di sentina, così come alla differenziazione dei rifìuti solidi e a fare in modo che tutti utilizzino prodotti biodegradabili, “In questo senso va anche l’incontro odierno con le aziende con le quali collaboriamo e che ci supportano con le quali miriamo all’analisi e allo studio di iniziative e di programmi di informazione comuni che consentano a tutto il nostro settore di essere aggiornati e di progredire sempre di più sull’argomento.”

Il dott. Roberto Neglia, responsabile delle relazioni Istituzionali di Ucina Confindustria Nautica, ha invece illustrato alla platea dei Comandanti le novità del Codice della nautica recentemente approvato dopo un lungo confronto con il Governo, che ha visto il direttivo di ItalianYachtMasters partecipare, al fianco di Ucina, ai tavoli di lavoro istituzionali per ottenere, tra l’altro, le modifiche necessarie e rendere competitiva la professionalità dei comandanti italiani sul mercato internazionale delle navi da diporto.

A seguire Alexandra Legrand, trainer and coach L.A.C, ha fatto un intervento di formazione per i giovani comandanti sugli aspetti più importanti della gestione dell’equipaggio e degli armatori del futuro.

“Il nostro programma di supporto alle popolazioni colpite dall’uragano Irma – ha spiegato il Comandante Barletta, vice presidente di ItalianYachtMasters – non è soltanto una raccolta fondi, ma si sviluppa anche come un aiuto concreto in beni e materiali che alcuni dei nostri soci hanno portato con le loro barche che hanno attraversato recentemente l’oceano Atlantico. in questo senso collaboriamo con l’associazione americana Yacht Global Aid impegnata da anni e su diversi fronti negli aiuti umanitari alle popolazioni di tutto il mondo più colpite da eventi atmosferici distruttivi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.