IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lettere al direttore

Capotreno licenziato da Trenord, l’opinione di Ata Pc Savona Onlus

Più informazioni su

ATA PC Savona Onlus, Associazione Tutela Ambiente, da sempre è a favore del treno come mezzo di trasporto, essendo il piu’ ecosostenibile. Per questo siamo particolarmente sensibili alle problematiche non solo dei viaggiatori, ma anche dei lavoratori del comparto ferroviario.

Siamo allibiti e sconcertati dal licenziamento attuato nei confronti di un giovane Capotreno cremonese dalla compagnia Trenord. La sua “colpa” sarebbe quella di aver risposto con qualche parolaccia a uno straniero che lo stava malmenando e rapinando, mentre egli svolgeva il suo dovere,ossia chiedere il biglietto.

Il provvedimento adottato da Trenord è un atto assurdo, gravissimo ed inaccettabile.

Colpisce un lavoratore ( che, ribadiamo, stava facendo il proprio dovere) e una famiglia ,gettandola nel dramma economico della disoccupazione, per di piu’ in prossimità del Natale, dimostrando totale insensibilità umana.

Inoltre, l’impressione, registrata dalla maggioranza dei cittadini onesti, è che in questo caso si faccia abuso del senso di “tolleranza e eguaglianza”, finendo per discriminare le persone oneste, e mettendo in scena qualcosa che sa tanto di “razzismo” al contrario.

In quanto utenti e cittadini onesti, esigiamo da Trenord tolleranza zero contro individui che violano la legge e calpestano ogni norma sociale, viaggiano a sbafo sui mezzi pubblici pagati dai cittadini, e reagiscono con atti criminosi contro coloro che tentano di riportare la legalità.

Esigiamo anche che i dipendenti vengano tutelati, e non lasciati soli, anche e soprattutto quando devono agire per riportare la legalità sui convogli. Altrimenti si rischia da un lato di indurre i controllori a omettere i controlli, giacchè non si sentono affatto tutelati , e dall’altro, si dà l’impressione di avvallare atteggiamenti illeciti, offrendo una sensazione di impunità a chi li commette.

Chiediamo con forza a Trenord di ritirare immediatamente il provvedimento di licenziamento , di reintegrare il dipendente, e di provvedere un servizio di vigilanza sui convogli mediante addetti alla sicurezza con addestramento specifico. (es Guardie Giurate).

Restiamo in attesa di riscontro, significando che, in mancanza degli atti positivi rischiesti, siamo pronti a boicottare Trenord e a chiedere ai nostri soci e simpatizzanti di fare altrettanto.

Distinti Saluti

Il Presidente di ATA PC SAVONA

Marco Castelli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.