IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Blitz nell’ex ospedale Marino Piemontese di Loano, 41enne trovato con 22 dosi di cocaina: arrestato foto

L'uomo è stato arrestato dagli agenti della polizia municipale che stavano effettuando un controllo nella struttura abbandonata

Loano. Ventidue dosi di cocaina, per un totale di circa 15 grammi di sostanza stupefacente. Sono quelle che gli agenti della polizia municipale di Loano, ieri pomeriggio, hanno sequestrato all’interno dell’ex ospedale Marino Piemontese ad un cittadino marocchino, Chtibi Majid, 41 anni, senza fissa dimora, che è finito in manette.

Il blitz dei vigili è scattato nell’ambito di un controllo sul territorio che ha interessato proprio la struttura loanese, ormai in stato di abbandono da quasi trent’anni, e spesso utilizzata come dimora da clochard. Majid è stato sorpreso dagli agenti della municipale nell’ex ospedale Marino ed è scattata una perquisizione che ha permesso di trovare le 22 dosi di polvere bianca.

Questa mattina, dopo una notte in camera di sicurezza, il marocchino è stato processato per direttissima in tribunale a Savona. Il giudice ha convalidato il suo arresto e lo ha rimesso in libertà senza applicare nessuna misura cautelare. Alla fine l’imputato, che era assistito dall’avvocato Carmen Vallega, ha patteggiato sei mesi e venti giorni di reclusione e 600 euro di multa senza la sospensione condizionale della pena.

Il blitz delle ultime ore da parte dei vigili loanesi (coordinati dal comandante Gianluigi Soro) nell’ex ospedale ha preso le mosse, oltre che da un’ordinanza del Questore di Savona nella quale si chiede di intensificare i controlli negli edifici abbandonati durante le festività, anche dalla segnalazione dal proprietario di un terreno adiacente alla struttura. Il cittadino aveva segnalato una serie di furti di ortaggi: episodi che hanno fatto pensare alla presenza di senzatetto nell’edificio abbandonato.

Di qui la decisione della polizia municipale di effettuare un controllo nell’ex ospedale Marino Piemontese che, oltre all’arresto del pusher, ha permesso di verificare che effettivamente erano stati creati dei nuovi varchi per entrare nell’edificio (soltanto pochi mesi fa Arte aveva concluso un intervento per murare tutti gli ingressi).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.