IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, il vescovo Guglielmo Borghetti benedice la nuova sede del Cavi

Nuovi locali per il Centro di Aiuto alla Vita Ingauno, sostegno alla maternità disagiata

Albenga. Verrà inaugurata domani pomeriggio, giorno della festa dell’Immacolata Concezione, la nuova sede del Centro Aiuto Vita Ingauno (Cav-i), che si è trasferito nei locali di proprietà della curia vescovile, in via Episcopio 2 ad Albenga. La cerimonia di benedizione dei locali sarà presieduta dal vescovo Borghetti alle 16, in concomitanza con l’atto di venerazione di papa Francesco all’Immacolata Concezione in piazza di Spagna a Roma. Questo a testimoniare “la fede nella Madonna madre della Chiesa che guarda con particolare protezione i neonati seguiti dal Centro”.

“Con grande soddisfazione – commenta il vescovo Borghetti – benedico domani pomeriggio la nuova sede del Centro di Aiuto alla Vita Ingauno. La decisione di offrire locali più spaziosi e centrali a questa preziosa realtà di servizio nasce dal profondo convincimento che la difesa e la custodia della vita per la comunità cristiana sia una priorità assoluta. Da sempre la Chiesa annuncia e testimonia il Vangelo della Vita e ne rivendica il valore e la sua inviolabilità. In tempi difficili per la custodia di questo valore-diritto fondamentale, in tempi di violazione e spregio del dono della vita nelle molteplici forme a cui ogni giorno assistiamo, anche questo gesto, questa scelta mia personale in quanto pastore e della nostra diocesi di Albenga-Imperia , vuole essere un segno chiaro ed inequivocabile in riferimento alla parte dalla quale stiamo: in difesa della vita umana oggi e sempre. Maria Immacolata, Vergine e Madre, è “incomparabile modello di accoglienza e di cura della vita” (San Giovanni Paolo II, Evangelium vitae, 102) ed a Lei affidiamo fiduciosi i volontari del CAV-I e la loro opera quotidiana”.

“Ringraziamo monsignor Borghetti e l’economo don Giancarlo Cuneo – dichiarano dal direttivo – per aver offerto al Cavi una sede centrale e facilmente accessibile alle mamme con passeggini. Questo centro, operativo dal 2005, è diventato punto di riferimento per aiutare le famiglie in difficoltà, in attesa di un bambino”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.