IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Zootecnia e apicoltura, risorse dalla Regione. L’assessore Mai: “Sostegno ai due settori” foto

170 mila euro per l'associazione regionale degli allevatori. 24.500 euro stanziati per il settore dell'apicoltura

Regione. In arrivo aiuti e nuovi finanziamenti al settore zootecnico. Lo ha comunicato oggi l’assessore regionale all’Agricoltura e all’Allevamento Stefano Mai. “Considerato il momento critico attraversato dal comparto – ha detto l’assessore Mai – abbiamo deciso di deliberare l’assegnazione di 170 mila euro, già previsti a bilancio, per potenziare il programma delle iniziative zootecniche a favore dell’Associazione regionale Allevatori e quindi a supporto delle circa 300 aziende liguri del comparto. Inoltre, nella recente variazione di bilancio approvata in consiglio, abbiamo destinato ulteriori 150mila euro a favore di Aral, visto il difficile periodo attraversato dal comparto”.

Nelle iniziative zootecniche rientrano una serie di attività a supporto del settore. In particolare, si prevedono azioni di formazione professionale, attività dimostrative e azioni di informazione, consulenze anche sui bandi del Psr-Piano di sviluppo rurale 2014-2020, ammodernamento delle aziende, sviluppo della filiera corta, partecipazione a concorsi, fiere ed esposizioni e attività divulgativa, consulenza sulla qualità delle produzioni e diversificazione del prodotto allo scopo di trovare nuovi sbocchi di mercato.

Inoltre, sono stati approvati oggi dalla giunta regionale, su proposta dell’assessore regionale all’Agricoltura Stefano Mai, due bandi a sostegno dell’apicoltura ligure. In particolare, il primo è da 24.500 euro per l’acquisto di nuove arnie; il secondo – di cui lo scorso anno sono stati 240 gli apicoltori beneficiari – da 41.500 euro per lo svolgimento di corsi specifici, seminari, convegni e acquisto materiale didattico.

I bandi rientrano nelle iniziative a sostegno del settore dell’apicoltura per la campagna 2016-2017, secondo le disposizioni del programma nazionale triennale a favore del comparto. “Con queste risorse – spiega l’assessore Mai – sono potenzialmente acquistabili circa 600 nuove arnie anti varroa, l’acaro parassita che può attaccare le api e quindi mettere a rischio le produzioni del nostro miele. Auspichiamo che l’intero budget vada esaurito perché si potrebbe tradurre in un aumento del patrimonio apistico regionale”. Il bando è aperto a tutti gli apicoltori con almeno 15 arnie, in regola con l’iscrizione all’anagrafe nazionale. Sono previsti finanziamenti fino al 60% della spesa ammessa, con un limite massimo di spesa di 70 euro per arnia. Priorità sarà data ai giovani agricoltori, agli apicoltori con partita Iva, con laboratorio di smielatura registrato e apicoltori biologici.

In Liguria sono oltre 1.700 gli apicoltori, in particolare concentrati nella provincia di Genova (765 apicoltori, il 44% del settore a livello regionale, con 12.413 alveari), segue la provincia della Spezia (392 apicoltori e 5.863 alveari), Savona (356 apicoltori e 5.769 alveari), Imperia (239 apicoltori e 5.213 alveari). L’83% degli apicoltori liguri ha meno di 20 alveari.

“Con queste risorse – spiega Angelo Vaccarezza, presidente del Gruppo Consiliare Forza Italia – sarà possibile acquistare circa 600 nuove arnie anti varroa, un acaro che attaccando le api mette a rischio le produzioni del miele”.

“Mi auguro, continua il Consigliere, che l’intero budget vada esaurito; questo significherebbe un sicuro aumento del patrimonio apistico regionale, con un significativo positivo implemento per il settore e per l’indotto. In Liguria sono oltre 1.700 gli apicoltori, nella provincia Savona se ne contano 356 con 5.769 alveari: un patrimonio da tutelare e monitorare costantemente utilizzando tutti gli strumenti a nostra disposizione per potenziarlo, traendo il meglio dal comparto” conclude Vaccarezza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.