IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, l’ex direttore di Ata Luca Pesce: “Licenziamento illegittimo, ho sempre lavorato con serietà e onestà”

"Quanto accaduto negli ultimi mesi,ha gravemente leso la mia professionalità e la mia salute"

Più informazioni su

Savona. “Ho dato mandato ai miei legali di contestare il licenziamento intimatomi che ritengo totalmente illegittimo, pretestuoso e discriminatorio, al fine di tutelare la mia immagine anche in ragione dei ripetuti attacchi subiti”. A dirlo è Luca Pesce, ormai ex direttore di Ata spa il cui contratto è stato recentemente rescisso da parte del consiglio di amministrazione della società partecipata.

Una decisione che era nell’aria e che è stata formalizzata dal Cda di Ata nella giornata di ieri: “Il consiglio di amministrazione di Ata spa comunica che, nel perseguimento dell’annunciato processo di revisione e di ristrutturazione generale della società, nell’ottica di un nuovo assetto gestionale e di un contenimento dei costi, sta procedendo alla ridefinizione dei ruoli all’interno della struttura organizzativa” si legge nella nota diramata questa mattina dall’azienda. Pertanto, a seguito della soppressione della figura del direttore generale all’interno della pianta organica, la società comunica di aver risolto il rapporto di lavoro con l’ingegnere Luca Pesce, che continuerà a prestare la sua opera in favore della società per il periodo di preavviso”.

Il giorno dopo l’ufficializzazione della notizia, l’ex dirigente Ata annuncia la propria intenzione di dare battaglia: “Quanto accaduto negli ultimi mesi, culminato con la comunicazione di licenziamento, ha gravemente leso la mia professionalità e la mia salute – spiega – Non posso che ribadire la correttezza del mio operato, svolto con serietà ed onestà, in tanti anni, esclusivamente nell’interesse della società per la quale lavoro. Pertanto mi vedo costretto a tutelarmi in ogni sede al fine di far emergere la illegittimità del  provvedimento adottato.

Di un possibile licenziamento di Pesce, in realtà, in città si parlava ormai da giugno 2016, ossia da quando si è insediata la nuova giunta di centrodestra guidata da Ilaria Caprioglio: il direttore, insieme all’allora presidente Sara Vaggi, era considerato dalla nuova amministrazione il primo colpevole della difficile situazione finanziaria dell’azienda. Il presidente era stato sostituito a inizio 2017 grazie alle dimissioni dei membri dell’ex CdA, mentre il direttore, in quanto dipendente, era rimasto al proprio posto nonostante la volontà politica. Da qui la scelta di rivedere la pianta organica del management: l’iter ha previsto la nomina di un amministratore delegato ed il graduale trasferimento delle competenze dell’ex direttore generale, fino alla conclusione di oggi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.