IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

In Noberasco un distributore di prodotti che “fanno bene”: il ricavato alla onlus Basta Poco

Tutti gli acquisti di dipendenti e visitatori serviranno per finanziare i progetti di solidarietà della Onlus legati ai malati di tumore

Carcare. Un distributore automatico dedicato alla Onlus Basta Poco, il cui ricavato sarà completamente dedicato alle attività e progetti che la Onlus persegue. E’ quello che verrà presentato domattina alle 11 nel nuovo stabilimento di Carcare di Noberasco.

“La nostra azienda, dalla tradizione centenaria e fortemente legata al territorio ligure, ha scelto a di sostenere la Onlus Basta Poco perché consapevole dell’importanza di una responsabilità sociale di impresa che sappia perseguire le cause più giuste – spiegano dall’azienda – Mission della Noberasco è prendersi cura del benessere dei propri consumatori. Per questo il gesto simbolico di inaugurare insieme a Marco Ghini, presidente Onlus Basta Poco, una colorata vending machine all’interno dell’azienda e dedicarne completamente il suo ricavato alle attività di foundraising è un modo attivo per sensibilizzare e trasmettere forti messaggi di solidarietà sociale”.

“Grazie a questa vending di forte impatto e visibilità – specifica il presidente, Gabriele Noberasco – l’azienda vuole rivolgersi non solo ai propri dipendenti, ma soprattutto ai numerosi visitatori che ogni giorno entrano e vivono l’azienda, con l’auspicio che da questa idea si sviluppino nuove iniziative solidali volte a creare reti di coinvolgimento più ampie e sinergiche. La nostra famiglia da quattro generazioni guida l’azienda ed è nel nostro dna credere fortemente nei valori di unione, coesione, condivisione e collaborazione gli stessi che la Onlus Basta Poco – che supportiamo e con cui condividiamo spirito e modus operandi – ogni giorno mette in campo per aiutare malati oncologici e le loro famiglie”.

“La famiglia è uno dei valori chiave per Basta Poco – commenta il presidente della Onlus, Marco Ghini – e driver dei suoi importanti progetti che tendono a volere offrire al malato oncologico e alla sua famiglia un concreto sostegno di cura domiciliare e un supporto psicologico. Noberasco si inserisce perfettamente all’interno di questa nostra filosofia: con questa vending machine di prodotti food orientati al benessere, si può fare davvero del bene”.

La macchina, infatti, erogherà prodotti “healthy” a base di mix di frutta secca, morbida, bio, snack a base di super frutti o vegetali, con l’obiettivo di “dimostrare che le buone prassi possono partire da ciascuno di noi e che un semplice gesto come quello di acquistare uno snack sano spezza fame, durante la giornata in azienda, può contribuire a progetti molto importanti e concreti”.

Conclude Gabriele Noberasco: “Siamo consapevoli che oggi non si possa più parlare di scissione tra business e sociale, ma che sia necessario favorire ed incoraggiare una contaminazione tra le diverse realtà. La nostra azienda, pioniera dell’innovazione in ambito healthy food, da sempre si impegna a promuovere iniziative dedicate a sensibilizzare i consumatori ad adottare corretti stili di vita che diventino buone prassi per la propria salute. La nostra filosofia è continuare a ricercare e sviluppare nuovi prodotti che possano prendersi cura dei nostri consumatori, spingendoli verso una sana abitudine alimentare, perché lo stare bene passa anche attraverso le nostre scelte nutrizionali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.