IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Loano, sabato l’incontro con l’ultramaratoneta Marco Olmo

Sarà l'ospite d'onore al 4 Chiese Trail che si correrà nella mattinata di domenica

Loano. Si avvicina l’appuntamento con il 4 Chiese Trail, in programma domenica 19 novembre. L’ospite d’onore della manifestazione di corsa in montagna organizzata dall’ASD Krav Maga Parabellum sarà il grande campione della disciplina Marco Olmo, 69enne corridore piemontese che negli anni si è reso leggenda vivente conquistando due Ultra Trail del Monte Bianco e diventando un protagonista assoluto della Marathon des Sables, corsa a tappe nel deserto che si tiene ogni anno in Marocco. Olmo di recente ha vinto la Bolivia Ultra Race e proprio nei giorni scorsi ha conquistato l’Ultra Mozambico, aggiungendo un altro titolo di prestigio alla sua bacheca.

Sabato 18 novembre alle ore 18, presso la biblioteca comunale di Loano a Palazzo Kursaal, il noto ultramaratoneta condividerà con i partecipanti le sue esperienze e toccherà tasti fondamentali della corsa quali preparazione, alimentazione e tecnica di corsa.

Il pubblico durante la conferenza potrà porre domande al campione piemontese che sarà intervistato da Pietro Saccone e Stefano Rizzo. Sarà sicuramente un evento interessante imperdibile per gli appassionati della disciplina.

Tutto è pronto a Loano per la prima edizione della gara di trail running 4 Chiese Trail, Trofeo Csen, Memorial Lucio Burastero organizzata dall’A.S.D. Krav Maga Parabellum Urban Combat Selfe Defense con il patrocinio dell’assessorato al turismo, cultura e sport del Comune di Loano, del Comune di Pietra Ligure, del Comune di Giustenice e dello Csen, il Centro Sportivo Educativo Nazionale.

La gara, in programma domenica 19 novembre, coinvolgerà il territorio dei comuni di Loano, Pietra Ligure e per un brevissimo tratto Giustenice (200 metri circa). Il tracciato toccherà le quattro chiese situate nei dintorni di Loano (Chiesa Santa Maria delle Grazie, Chiesa San Martino, Chiesa Santa Libera, Cappella della Visitazione) per una lunghezza totale di 17 chilometri e uno sviluppo altimetrico positivo totale di 1.200 metri.

La competizione è inserita nel calendario ufficiale dello Csen e fa parte del Corto Circuito Solidale I Run for Find The Cure. Parte della quota d’iscrizione sarà devoluta in beneficienza alla onlus Di.Di., Diversamente Disabili onlus e a Find The Cure per la costruzione di un reparto maternità nel villaggio rurale di Naadafji Coura in Mali.

“Si moltiplicano le iniziative legate al progetto Loano Outdoor – dice l’assessore Remo Zaccaria –. Attraverso eventi come la gara di trail running 4 Chiese Trail Loano promuove il suo territorio e le opportunità che esso offre a chi ama le attività all’aria aperta. Sempre di più Loano sta investendo sulla valorizzazione dei percorsi di trekking proponendo itinerari con diversi livelli di difficoltà che soddisfano sia le famiglie che gli sportivi più allenati”.

“Sono già 120 gli iscritti alla prima edizione della gara di trail running 4 Chiese Trail – spiegano Francesco Ravotti e Alessandro Casasola responsabili della sezione corsa dell’A.S.D. Krav Maga Parabellum – e pensiamo di poter arrivare a quota 150 partecipanti. Sebbene alla prima edizione, la gara ha suscitato grande interesse tra gli appassionati del trail running, grazie ad un percorso bello che regalerà panorami ed emozioni uniche”.

“Una grande energia e un buon spirito di gruppo – dice Davide Carosa presidente dell’Associazione Krav Maga Parabellum– accompagna l’organizzazione di questo nuovo evento sportivo. Sarà una gara vissuta con spirito di solidarietà, correttezza e rispetto. Raccoglieremo fondi per le associazioni Find the Cure e Di.di. diversamente disabili e offriremo agli appassionati l’occasione di incontrare il grande campione Marco Olmo. Abbiamo già il desiderio, dopo questa prima edizione che servirà a testare l’organizzazione, di ampliare la gara introducendo due distanze, così da aumentare ulteriormente il numero di partecipanti”.

Domenica 19 novembre la gara prenderà il via alle ore 9,30 dalla frazione Verzi (via Borgata Borgarino). Percorso il breve tratto di asfalto fino alla chiesa di Santa Maria delle Grazie, i runners imboccheranno il sentiero che li condurrà attraverso una strada bianca alla chiesa di San Martino. Oltrepassata la chiesa il sentiero proseguirà verso Nord Ovest fino a incrociare il sentiero che conduce al Rifugio di Pian delle Bosse. Raggiunto il Rifugio lo si oltrepasserà proseguendo in discesa a Sud Ovest verso la Rocca dell’Avio e da qui verso il parcheggio della Castagna. In prossimità del parcheggio si imboccherà un ripido sentiero che passando da Cascina Banca riporterà gli atleti a Verzi. Percorrendo un breve tratto di strada agricola cementata si imboccherà un nuovo sentiero che permetterà di attraversare il torrente in sicurezza e di raggiungere la ripida salita che porterà a Cian Luaio. Una volta scollinato, un ripido sentiero ghiaioso condurrà gli atleti fino a un breve tratto di strada bianca e successivamente a Via Santa Libera, strada sterrata che passando di fronte all’omonima chiesa condurrà gli atleti a Verzi. Da qui l’ultimo breve tratto di strada asfaltata che attraverserà il paese, passando davanti alla Cappella della Visitazione e raggiungendo le Ex Scuole di Verzi dove è previsto l’arrivo e il rinfresco.

La manifestazione avrà inizio alla ore 7 con la consegna dei pettorali e dei pacchi gara e terminerà entro le 18. Il tempo massimo previsto per portare a termine la corsa è 6 ore.

Rispetto dell’ambiente e sicurezza sono centrali nell’organizzazione di questa gara. Il tracciato sarà segnalato tramite nastro segnaletico biodegradabile e sarà rimosso al termine della gara. È previsto inoltre l’uso di alcuni cartelli segnaletici in concomitanza dei bivi e anch’essi saranno rimossi al termine della competizione. Per garantire la sicurezza e la salvaguardia del territorio, prima e dopo la gara saranno effettuati sopralluoghi sul percorso con lo scopo di pulire i sentieri.

La sicurezza dei partecipanti sarà garantita dai volontari: sono previsti circa 25 volontari disposti lungo tutto il percorso, che daranno indicazioni agli atleti sulle direzioni da prendere, avvertendoli di prestare attenzione nei punti più tecnicamente difficoltosi.

Sono previsti tre punti soccorso fissi, uno alla partenza/arrivo con la presenza dell’ambulanza della Croce Rossa, uno al Rifugio di Pian delle Bosse dove sarà presente oltre ai volontari della Croce Rossa il medico di gara, e un terzo punto in zona Marin (via Santa Libera).

Sarà presente un servizio “scopa” ossia un membro dell’organizzazione procederà come ultimo concorrente, per assicurarsi che nessun atleta possa perdersi o rimanere indietro. Inoltre sarà garantita l’assistenza sul percorso da parte della protezione civile.

In caso di maltempo l’evento sportivo sarà rinviato a domenica 26 novembre.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.