IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lettere al direttore

Fallimento Piaggio? Il punto di vista di un lavoratore

La denuncia: "Da giorni settimane e mesi mancano le energie necessarie per continuare le lavorazioni"

Più informazioni su

Sono ormai anni che ci sentiamo presi in giro dall’azienda e dal sindacato. Prima della chiusura dei 2 stabilimenti di Finale e Sestri ci siamo sentiti dire che il sindacato sarebbe entrato nel merito del piano industriale 2014 per smontarlo pezzo per pezzo.

La situazione attuale è quella che la proprietà ha messo in atto ciò che il sindacato e il Governo hanno bloccato per anni: cioè un Piano che chiedeva riduzioni di personale e cessioni di rami di azienda a terzi con inglobamento in un unico stabilimento. Le lotte sindacali sono state salvare i reparti considerati dalla proprietà “no core” tenendoli in Piaggio (Luglio 2014), hanno barattato il trasporto aziendale con chissà che altro, ma le preoccupazioni delle maestranze sono datate quanto l’inaugurazione del nuovo stabilimento di Villanova.

A far da tramite tra lavoratori e Azienda c’è sempre il sindacato e le notizie in entrambe le direzioni sono sempre state filtrate. La situazione attuale è bloccante: da giorni settimane e mesi mancano le energie necessarie per continuare le lavorazioni cioè manca tutto… Utensili, parti, gas nobili ecc e tutto si è già bloccato… più fallimento di così…

La proprietà non credo abbia problemi di liquidità, ma credo sia stufa dei ricatti ed abbia bloccato tutto per dimostrare a chi ha tagliato il nastro a Villanova (Renzi E governo attuale) che i soldi sono i loro e sono liberi di gestirli come meglio credono senza continui vincoli che al momento della vendita di Piaggio non esistevano. Sono parole dure dette da chi grazie a Piaggio si è fatto una famiglia e vive, ma spesso mi immedesimo nell’azionista e penso ‘se fossi al suo posto come prenderei questa presa in giro lunga anni?’

Un lavoratore Piaggio che ha volute restare anonimo

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.