IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dries Mertens: il re Mida del gesto tecnico

Lo speciale Settore Giovanile del ct Vaniglia

Per chi come me si spende nel predicare l’importanza della tecnica individuale nel gioco del campo e nello riscattare i giocatori “miniaturizzati” penalizzati a dire di molti  in riguardo alla mancata indispensabile fisicità quella offerta da “Ciro” (così lo hanno ribattezzato i napoletani) è una grande occasione di rivincita.

In questo campionato le sue magie hanno incantato tutti. Strakosha, portiere della Lazio, era riuscito a fare la cosa giusta il 20 settembre, uscendo con tempismo sul pallone in anticipo su di lui e dirottando la palla sull’esterno, il più lontano possibile dalla porta. Ma non aveva fatto i conti con la lucida follia di Mertens, che quando viene anticipato già pensa alla possibilità del tiro cercando di rientrare in posizione sul pallone disegnando una mezzaluna, come insegnano alla scuola calcio. Dries guarda la porta solo per un attimo, quindi calcia, meravigliosamente. Strakosha prova a rientrare tra i pali anche velocemente, ma è tutto inutile. Mani nei capelli c’è da scommetterci, per chiunque sulla faccia della terra abbia visto questo gol in diretta.

Questo vale per il fantastico secondo gol, contro il Genoa, con un pazzesco stop al volo di destro con la suola e tiro con l’altro piede: un capolavoro di tecnica e precisione. La crescita di Dries Mertens suona come una rivincita che non teme confronti. Su di lui infatti nessuno (o quasi) voleva scommettere: troppo basso, troppo gracile. Se dai calciatori però si può imparare qualcosa che esuli dall’ambito del campo, allora varrebbe davvero la pena dedicare un po’ di tempo all’asso belga, autentico self-made man del pallone, capace di costruirsi la carriera passo dopo passo, partendo dal fondo senza saltare nemmeno uno scalino. Più forte di tutto e di tutti, pregiudizi inclusi.

Una volta Roberto Saviano scrisse di Lionel Messi: «Si dice che il calabrone non potrebbe volare perché il suo corpo è sproporzionato alle ali. Ma il calabrone non lo sa e vola. Messi, con quel suo corpicino e i problemi di crescita, non potrebbe giocare nel calcio moderno tutto muscoli e potenza. Solo che Messi non lo sa. Ed è per questo che è il più grande di tutti». Un’altra cosa che Messi ha fatto a sua insaputa è stata quella di aver cambiato una certa cultura del calcio, secondo la quale i mingherlini era meglio lasciarli dov’erano, perché ad alti livelli sarebbero rimasti schiacciati.

Senza l’esempio di Messi, con tutta probabilità Mertens una chance nemmeno l’avrebbe avuta. Sarebbe rimasto il “nano da guardino” etichettato dal capo scout del Nec Nijmegen Henk Grim dopo che lo vide sui campi della Eerste Divisie, la seconda divisione olandese, e lo depennò dalla propria wish list perché tanto in Eredivisie non avrebbe mai potuto farcela. Grim era in buona compagnia; prima di lui, sia l’Anderlecht che il Gent – o meglio, i loro vivai – lo avevano messo alla porta. Ragazzino di talento, nessuno lo negava, tocco veloce, sinistra, destra, tunnel, gli avversari non ci capivano nulla quando il piccolo Dries aveva la palla tra i piedi. Ma era un kleine muis, un topolino, e lo sanno tutti che fine fanno quelle bestiole.

Uno scricciolo di un metro e sessantanove centimetri, Dries Mertens. Stessa altezza di Messi, quarantotto giorni di differenza all’anagrafe ma, al crepuscolo dell’adolescenza, una voragine tra le carriere dei due. Nel giugno del 2006, mentre Messi disputava il Mondiale in Germania, Mertens correva nei boschi di Apeldoorn per prepararsi alla sua prima stagione da professionista, nell’Agovv, serie B olandese. Alle spalle, solo 14 presenze nell’Eendracht Aalst, terza divisione belga. Nel suo paese, sembrava che nessuno fosse disposto a offrirgli di più.

Già a 18 anni Mertens era tecnicamente due o tre spanne sopra ai colleghi citati, ma non esistevano (ancora) le premesse culturali e ambientali per permettergli di emergere. Per questo ha fatto le valigie e se ne è andato. La storia di molti giocatori inizia sull’asfalto di strade, piazze e marciapiedi. Quella di Mertens affonda nel fango. Leuven, nel cuore delle Fiandre, è una delle città di cultura del Belgio, grazie alle sue numerose università. La famiglia Mertens ha però sempre propenso più per l’aspetto sportivo, e non a torto visto che papà Herman è stato un ginnasta di successo, con diversi titoli messi in bacheca. Dries però sceglie il calcio, e non quello a cinque che gli consigliava uno specialista di Anversa interpellato dai genitori in merito all’eccessiva gracilità del figlio. Dries vuole giocare a undici, e prima della nascita nel 2002 dell’Oud-Heverlee Leuven, club nel quale si sono fuse le tre società calcistiche locali, ciò significava calcare terreni sui quali già a ottobre non si vedeva più un filo di erba, perché venivano utilizzati da tutte le squadre del club, partendo dai Duveltjes (Diavoletti, età 5-6 anni) fino alla prima squadra. Dall’autunno fino a tarda primavera, piscine di fango più che campi da calcio.

Oggi non esistono più: il primo terreno di gioco calcato da Mertens è diventato un campo da rugby, il secondo un parcheggio dietro allo stadio dell’Ohl. Non esiste più nemmeno l’Agovv di Apeldoorn, altra location tutta boschi, pioggia e fango che per un breve periodo ha agito da pista di decollo per alcune ottime carriere. Lì Klaas-Jan Huntelaar è stato capocannoniere di B (26 gol in 35 partite) e si è visto intitolare, a 24 anni di età, una tribuna dello Sportpark Berg & Bos. Poi sono arrivati Nacer Chadli e, appunto, Mertens. Per lui tre stagioni, 44 gol e il Gouden Stier (Toro d’oro) 2009, premio conferito al miglior giocatore del campionato.Mertens è lo sleeper per eccellenza del calcio. Ha debuttato da pro a 19 anni (11 agosto 2006, Agovv-Cambuur 3-1), in Eredivisie a 22 (1 agosto 2009, Rkc-Utrecht 0-1), in Nazionale a 23 abbondanti (9 febbraio 2011, Belgio-Finlandia 1-1), in Champions League a 26 (Napoli-Borussia Dortmund 2-1). Dai bassifondi alla provincia fino all’élite del calcio olandese, poi ancora più su, in Serie A. Tre stagioni all’Agovv, due all’Utrecht, due al Psv, quattro al Napoli, per una carriera che non ha mai bruciato le tappe, tenendo però sempre la freccia puntata verso l’alto.

Ogni stagione meglio della precedente. Il primo anno all’Utrecht finisce secondo dietro a Luis Suárez (Ajax) come mvp della Eredivisie, in quello successivo stabilisce il suo primato di assist (24), due dei quali regalati in un pirotecnico 3-3 in Europa League contro il Napoli di uno scatenato Cavani, match che segna il suo debutto in una manifestazione europea.Il Psv lo prende per sostituire l’ungherese Dszudszak, lui si presenta con 11 gol nelle prime 8 giornate e chiude a quota 27 complessivi, colonna portante di un attacco atomico da 130 reti stagionali, anche se incredibilmente il titolo non arriva. In squadra ci sono Wijnaldum e Strootman, quest’ultimo già compagno di Mertens nell’Utrecht e suo autentico opposto, non solo a livello fisico, visto che in meno di dodici mesi passa dalla B con lo Sparta Rotterdam alla maglia della Nazionale. L’anno successivo Mertens trova ancora il Napoli in Europa e gli piazza una combo di gol più assist nel 3-0 finale. Le sue statistiche continuano a mantenere un formato over-size, chiaro segnale che Eindhoven, e l’Olanda, iniziamo a diventare ambienti troppo limita(n)ti.

Poco prima di andarsene, uno degli opinionisti più velenosi dei Paesi Bassi, Johan Derksen, gli chiede pubblicamente scusa per averlo chiamato kabouter, gnomo. Aveva capito – disse – che la grandezza di un calciatore non era determinata dai centimetri. La freccia verso l’alto Mertens l’ha mantenuta anche a Napoli, nonostante per la prima volta si sia trovato a vestire i panni della riserva di lusso, quantomeno a livello di club, visto che in Belgio, tra Hazard, De Bruyne, Fellaini (almeno quello periodo Everton) e Ferreira Carrasco, lo spazio è sempre stato esiguo. Non c’è voluto molto per appiccicargli l’etichetta di dodicesimo uomo per eccellenza, capace di rendere meglio da subentrato piuttosto che da titolare.

È stato così con Rafa Benítez, ancora di più nel primo anno di Maurizio Sarri: 57% di presenze da titolare (considerate tutte le competizioni) nel 2013/14, 63% nel 2014/15, solo il 33% la passata stagione con Sarri, quando il turnover si è fatto meno “scientifico” rispetto alle rotazioni di Benítez. Tuttavia un esame più approfondito mostra come Mertens sia risultato più efficace sotto la guida del tecnico toscano, andando a segno una volta ogni 152,91 minuti, mentre nelle precedenti stagioni la media si attestava rispettivamente a 200,00 e 305,70.

Come già visto, però, in casa Mertens vige il detto volere è potere, che non è stato abbandonato nemmeno alle pendici del Vesuvio, quindi eccolo iniziare la sua quarta stagione in azzurro con i migliori numeri della sua carriera: 6 gol e altrettanti assist in 906 minuti disputati, per una media di uno ogni 51 minuti, mai avuta nemmeno nei suoi anni d’oro olandesi (il suo top a livello di gol è stato 152,48 nella stagione 11/12, e come assist 153,33 nella stagione 12/13). Ha scavalcato nelle gerarchie Lorenzo Insigne, giocatore dalle caratteristiche molto simili al belga ma circondato da un hype ben differente, e si è scoperto anche valido interprete del ruolo di prima punta dopo l’infortunio di Arek Milik.

Falso nove è il termine che va di moda, ma contro l’Empoli nel 2016 Mertens ha totalizzato 11 conclusioni verso la porta avversaria, un record per un giocatore in una singola partita dell’attuale Serie A. Un falso nove fin troppo vero. Un giocatore che si è da solo, mattone dopo mattone. Dal fango di Leuven all’oro di Napoli quindi e quest’anno con gli azzurri in odore scudetto ha già realizzato 10 reti in 13 partite, una media che se portata al termine gli permetterà di stabilire un nuovo imbattibile record.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.