IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ceriale 2018, corsa per la candidatura a sindaco: Revetria e Fasano in pole per il centrodestra

Si era parlato anche di una lista trasversale e allargata guidata dal Professore Nico D'Acunto. Giordano: "I partiti restino fuori"

Ceriale. Fermento politico a Ceriale in vista delle prossime elezioni comunali: per ora nessun annuncio ufficiale, ma da giorni e settimane le trattative sono frenetiche e non si esclude che già entro Natale si possa avere una prima rosa di nomi per la corsa alla conquista del Comune. Anche nella stessa maggioranza di centrodestra non mancano discussione e dibattito (con l’attuale cittadino Ennio Fazio fuori dai giochi dopo due mandati): le ultime voci e indiscrezioni trapelate in questi giorni danno in pole per la candidatura a sindaco Pietro Revetria (attuale sindaco di Vendone e già sindaco e assessore di Ceriale), ma crescono anche le quote dell’attuale assessore al turismo Marinella Fasano, con l’opzione, quindi, non remota, di presentare una donna per la carica di primo cittadino.

Tuttavia tutto è ancora da decidere, anche perché nei mesi scorsi non sono mancate anche trattative trasversali, con la possibilità di fare una lista civica allargata. Secondo questo scenario, uno dei nomi che è circolato è quello del professore di Storia Medioevale Nico D’Acunto, un outsider che potrebbe giocare un ruolo non di poco conto nello scacchiere politico cerialese.

Il Pd, tramontata già da tempo l’ipotesi di una candidatura dell’attuale primario del Santa Corona Marco Bertolotto (con una lista allargata), sta ancora alla finestra in attesa di capire le mosse da compiere e se entrare nella partita elettorale direttamente o indirettamente.

Sul fronte dell’attuale opposizione resta da vedere quale sarà il posizionamento del consigliere Piercarlo Nervo, mentre sembra chiara la volontà di ricandidarsi da parte di Luigi Giordano (da vedere se in qualche lista o come candidato sindaco): “C’era la volontà di fare una lista comune contro l’attuale amministrazione, tuttavia i cerialesi non ha bisogno di grossi programmi politici economici: no ad un sindaco imposto dai partiti, cioè, uno che dovrà andare a fare il sindaco perché deve rispondere solo a certe dinamiche di simpatia e di prestigio” dice Giordano.

“I cittadini, la gente, noi tutti, abbiamo capito che per ottenere la concretezza, non ci vuole un sindaco imposto dai partiti, qualsiasi partito, voglio essere chiaro, sia di sinistra che di destra, di fronte ai problemi reali non esistono macrosistemi come vogliono farci credere, ma solo micro sistemi – aggiunge ancora l’attuale esponente della minoranza -. Abbiamo capito che chi fa progredire l’economia individuale e collettiva non sono certamente le chiacchiere sotto forma di brochure che troveremo nella buca della posta con tante facce stampate che ricordano più i volti della passione nella via Crucis, che un bel presentarsi con una stretta di mano salutare per chiarire ciò che ostacola quello che sta fra noi e i problemi. Un piccolo esempio: Peagna non è solo una frazione, ma è un piccolo paese sotto l’amministrazione di Ceriale con 140 persone che ci vivono e che vorrebbero essere ascoltate, in quanto, hanno ospiti che ci vivono accanto e di questi ospiti non si sa nulla, vagano su e giù”.

“Quello che voglio dire è che non devono esistere sindaci imposti dall’alto che vengono a governare con il metodo Toti o il metodo Renzi, noi non siamo un metodo, non siamo una categoria, ma persone in carne ed ossa. Sono i singoli che fanno Ceriale. Non le agenzie immobiliari, non i costruttori, non i gruppi esoterici, non i partiti! Quando stai male, stai male tu, non la categoria di appartenenza” conclude Giordano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.