IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, polemica sulla Farmacia comunale. Ciangherotti: “Annullata delibera, dubbi sul nuovo bando”

Durante il Consiglio comunale l'esponente della minoranza torna all'attacco

Albenga. “Il compenso per svolgere la nuova perizia è più del doppio rispetto al precedente, mentre il tempo di consegna è stato dimezzato e sono stati modificati anche i criteri di aggiudicazione”. Lo afferma il consigliere comunale di minoranza Eraldo Ciangherotti dopo la discussione sulla Farmacia comunale nella seduta del parlamentino ingauno. Ieri sera, infatti, all’ultimo punto all’ordine del giorno del Consiglio comunale, si è discussa la delibera per annullare la recente approvazione della vendita della Farmacia comunale “Degli Ingauni” di via Dalmazia.

“Questo perché, nello scorso consiglio comunale del 19 luglio 2017, avevamo denunciato la proposta di vendita della farmacia comunale, avanzata dalla maggioranza in consiglio, in quanto fondata sulla perizia eseguita da un commercialista di Avellino, rinviato a giudizio nel 2016 per turbativa d’asta e abuso d’atti di ufficio, nonostante in sede di gara, ad Albenga, avesse certificato di non essere sottoposto a procedimenti penali” aggiunge l’esponente dell’opposizione.

“Durante il consiglio, il sindaco Giorgio Cangiano, interpellato da me sui carichi pendenti del professionista, prima delle votazione della delibera dichiarò che il professionista incaricato non era la stessa persona. Una tesi che fu sposata anche dalla consigliera Emanuela Guerra, che diede ampie garanzie in merito: ‘Al di là se sia stato rinviato o meno a giudizio, credo che comunque chi ha fatto la perizia avesse l’abilitazione per farlo’ aveva detto l’esponente del Pd”.

“Infine, a mò di pappagallo, arrivò pure il parere del consigliere Munì, secondo cui: ‘A volte dire certe cose c’è anche il rischio di essere condannati per diffamazione…’. Ma ieri, finalmente, è emersa la verità. Il commercialista che aveva periziato il valore della Farmacia comunale è purtroppo la stessa persona rinviata a giudizio. Motivo che, per la natura mendace, ne ha determinato l’esclusione postuma e pertanto non si può procedere alla vendita della farmacia. La delibera per annullare la decisione della vendita della farmacia è stata così annullata all’unanimità”.

“Il sindaco ha già dato mandato agli uffici per realizzare un nuovo bando per selezionare un altro perito. Peccato che emergano sin d’ora delle stranezze. Diverse, infatti, sono le difformità tra il primo e il secondo bando. In primis, la differenza di compenso previsto per effettuare la perizia: 3 mila euro (comprensivo di Iva) nel primo bando, che diventano 8 mila euro (più Iva) nel secondo”.

“Modificato, o meglio dimezzato, anche il tempo di consegna della perizia, divenuto inversamente proporzionale al compenso: entro 60 giorni nel primo bando; entro 30 giorni nel secondo bando”.

E Ciangherotti conclude: “Infine, colpiscono anche i nuovi criteri di aggiudicazione: se prima erano richieste almeno tre valutazioni di farmacie pubbliche o private, nell’attuale bando la valutazione terrà conto per il 75% del curriculum professionale e per il 25% dell’offerta economica, con punteggio sul numero delle farmacie valutate e sulla complessità degli incarichi svolti, sulla base del fatturato della farmacia periziata sopra a 1 milione di euro. Ma la nostra farmacia comunale fattura soltanto 700 mila euro all’anno. Peccato che non esista una specialità per i dottori commercialisti e revisori contabili con particolari abilitazioni sulla valutazione dei bilanci di una farmacia” conclude Ciangherotti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.