IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vaccini, alle famiglie in arrivo lettere-certificato dell’Asl: ecco come comportarsi

Le famiglie che non dovessero ricevere a casa la lettera-certificato potranno richiederne un duplicato alla propria Asl

Savona. In questi giorni le famiglie della provincia di Savona che abbiano figli tra i 6 e i 16 anni stanno ricevendo le lettere inviate dalla Asl2 secondo quanto previsto da Regione Liguria in attuazione della legge numero 119 del 2017 sull’obbligatorietà delle vaccinazioni.

La lettera della Asl ha valore di certificato vaccinale: se lo studente è in regola con tutti i vaccini risulterà “adempiente” e quindi sarà sufficiente consegnare il documento alla segreteria dell’istituto; se invece risulta non in regola (“inadempiente”) la lettera conterrà già l’indicazione dell’appuntamento presso il proprio ambulatorio di riferimento per il completamento del percorso vaccinale. Anche in questo caso basterà consegnare la lettera, controfirmata da un genitore, alla segreteria scolastica.

“Una famiglia può ricevere la lettera in cui risulta che il figlio è ‘inadempiente’ anche nel caso in cui lo studente abbia in precedenza effettuato le vaccinazioni previste – spiega il direttore generale dell’Asl2 Eugenio Porfido – l’inadempienza può infatti essere legata alla necessità di completare il percorso vaccinale con i richiami. Questo fatto non deve allarmare le famiglie: è sufficiente che la lettera, controfirmata dal genitore, venga consegnata alla scuola per ottemperare all’obbligo di legge, senza dover presentare ulteriori certificazioni o documenti”.

L’assessore regionale alla sanità Sonia Viale aggiunge: “L’obiettivo del recapito a casa delle lettere, la cosiddetta ‘Via ligure’, è quello di semplificare il più possibile la vita dei cittadini, evitando loro spostamenti tra diversi uffici, lunghe code o interminabili trafile burocratiche. Questo percorso è stato condiviso con la direzione scolastica regionale, sapendo che, in attesa dell’arrivo delle lettere inviate a tutti gli studenti, la presentazione della documentazione non rappresenta un requisito per l’accesso dei ragazzi nelle scuole”.

Le famiglie che, per disguidi legati alla consegna, non dovessero ricevere a casa la lettera-certificato potranno richiederne un duplicato alla propria Asl.

Gli uffici vaccinazioni e l’ufficio relazioni con il pubblico rimangono comunque a disposizione per fornire ulteriori informazioni alle famiglie. E’ possibile scrivere all’indirizzo igienepubblica@asl2.liguria.it o rivolgersi presso l’ufficio di (via Trieste 54 ad Albenga (telefono 0182 546262) aperto dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 13 o presentandosi di persona il lunedì e il venerdì dalle 11 alle 12; presso l’ufficio di via Stella 36 a Loano (telefono 019 8405842-24) aperto il martedì dalle 14 alle 15.30 e il giovedì dalle 10 alle 12; presso l’ufficio di via del Collegio a Carcare (telefono 019 5009612) aperto il lunedì dalle 12 alle 13, il giovedì dalle 8 alle 10, il venerdì dalle 12 alle 13 o presentandosi di persona il martedì dalle 11.30 alle 12.30, il giovedì dalle 11.30 alle 12.30 e venerdì dalle 11 alle 12; presso l’ufficio di via Collodi 13 a Savona (telefono 019 8405901) aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 10.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da marco_ivaldo

    Oggi sono dovuto andare agli uffici dell’ asl di Albenga (perdendo 3 ore) perchè la scuola che frequenta mia figlia (nata a novembre 2000) ha messo a conoscenza le famiglie, tramite interpretazione a mio avviso errata della circolare dell’ ufficio scolastico regionale, che chi al 31 Ottobre 2017 non ha compiuto i 17 anni deve produrre la certificazione vaccinale. Una interpretazione prima di tutto discriminatoria per i nati a Novembre e Dicembre 2000 rispetto ai coscritti nati i mesi precedenti e che è in contrasto con la direttiva del Ministero della salute che indica le leve dal 2001 in avanti interessate alla campagna di informazione sullo stato delle vaccinazioni…Risultato che l’ impiegata dell’ ASL mi ha dato il certificato sebbene non lo ritenesse necessario, la segreteria della scuola ha preso in carico la documentazione facendo la segnalazione al preside sul dubbio da me sollevato.