IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Spotorno, la residenza protetta “La Quiete” acquisita dal gruppo toscano “La Villa”

Al via il progetto per un polo sanitario dedicato alla terza età, in sinergia con La Gioiosa già presente a Savona

Più informazioni su

Spotorno. La Villa, realtà toscana attiva nel settore socio-sanitario dal 1992, annuncia l’acquisizione della Residenza Protetta “La Quiete”, a Spotorno, frutto di una serie di operazioni societarie avviate nel 2017.

Per la struttura appena acquisita, il Gruppo – che ha ora all’attivo 25 strutture in Italia – ha in previsione l’ottimizzazione dei servizi in linea con la propria vision e una serie di migliorie in termini di sicurezza e di infrastrutture per il benessere e la tutela degli ospiti: la residenza spotornese possiede infatti oggi 25 posti letto e attraverso le importanti opere di ampliamento previste dalla nuova proprietà, in fase di progettazione proprio in questi giorni, arriverà ad accogliere nel medio termine quasi il doppio degli ospiti, che potranno disporre di ambienti più luminosi, accoglienti e protetti, secondo le normative vigenti.

Il progetto costituirà un elemento di qualità importante per la comunità di Spotorno e per il territorio, in quanto permetterà la creazione di un vero e proprio polo sanitario assistenziale nell’area savonese dedicato alla terza età: le opere di ristrutturazione sono infatti previste anche per la residenza La Gioiosa (struttura del gruppo presente a Savona da anni) dove è già fase di avviamento l’intervento di ampliamento che porterà la residenza da 58 a 100 posti letto.

“Questa nuova acquisizione – fanno sapere dall’azienda – conferma La Villa come uno degli operatori maggiormente attivi in investimenti tesi a migliorare i servizi socio sanitari nell’area del savonese, e si inserisce all’interno di un piano di crescita e di espansione che il Gruppo porta avanti da diversi anni e che, oggi, vede lo vede tra i principali player del mercato socio-sanitario italiano, con circa 1800 posti letto all’attivo in 5 regioni”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.