IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Presunto giro di intestazioni fittizie di beni, problemi di salute per Fameli: processo rinviato fotogallery

Il processo slitta a dicembre: per l'accusa Fameli aveva aggirato la misura di prevenzione personale, ma anche "lavato" dei contanti attraverso la Banca d'Italia

Savona. Niente udienza questa mattina del processo per un presunto giro di intestazioni fittizie che vede a giudizio Antonio Fameli, Fabio Domenicale e Noemi Fugassa. Il collegio del tribunale ha concesso un rinvio al prossimo dicembre per un problema di salute che ha colpito proprio uno degli imputati.

Fameli intervista su biografia e fascicoli

Nelle scorse settimane, infatti, Antonio Fameli ha accusato un disturbo di natura cardiaca che lo ha costretto ad un ricovero in ospedale ed anche ad un piccolo intervento. Per questo, oggi, non poteva essere in aula e il suo legale, l’avvocato Gian Maria Gandolfo, ha chiesto di rinviare l’udienza (una richiesta davanti alla quale il pm Ubaldo Pelosi non si è opposto).

L’operazione nella quale erano finiti nei guai Fameli, Domenicale e Fugassa era stata battezzata “Il ritorno” dai carabinieri del nucleo operativo provinciale di Savona. Fameli e Domenicale, entrambi residenti a Loano, devono rispondere (il primo per più episodi, il secondo soltanto per uno) dell’acccusa di attribuzione fittizia di titolarità o disponibilità di somme di denaro (articolo 12 quinquies della legge 356/92). Solo Fameli invece deve rispondere, anche di omessa comunicazione, essendo sottoposto a misura di prevenzione patrimoniale, della disponibilità di denaro (articolo 76 c. 7 D.lvo 159/11) e per impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita (articolo 648 ter). Infine Fugassa è accusata di aver aiutato Fameli ad aggirare la misura di prevenzione personale facendosi nominare amministratrice di un’attività che, di fatto, sarebbe stata gestita da Fameli.

L’indagine sulle presunte irregolarità si era concretizzata attraverso pedinamenti ed intercettazioni. Proprio monitorando Fameli i carabinieri avevano scoperto una serie di operazioni sospette legate all’intestazione fittizia di beni e al “lavaggio” di denaro attraverso la Banca d’Italia.

Uno degli immobili che secondo gli inquirenti era stato acquistato da Fameli attraverso un prestanome, Noemi Fugassa appunto, è il chiosco “Loano Beach” sul lungomare loanese, ma l’attenzione del faccendiere sarebbe stata anche su un complesso immobiliare della Riviera.

Per quanto riguarda il filone dei contanti “ripuliti”, secondo i militari, da gennaio a maggio del 2015 Fameli aveva depositato circa 115 mila euro in contanti e altri 13 mila sono stati sequestrati durante uno degli ultimi tentativi di effettuare il cambio.

Il sistema usato per il “lavaggio” dei contanti sarebbe stato semplice: attraverso dei collaboratori, tra cui anche lo stesso Domenicale, ingenti somme di denaro in banconote da 500 euro volutamente rovinate venivano portate negli sportelli della Banca d’Italia per essere cambiate. Così facendo, secondo gli inquirenti, il contante tornava “pulito” nella disponibilità di Fameli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.