IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Giornata Fai d’Autunno: visita al Riviera Airport e alla Chiesa di Santo Stefano a Villanova

Visite a contributo in 600 luoghi speciali e poco conosciuti a cura dei Gruppi Fai Giovani

Liguria. Soffermare l’attenzione sulla piazza che attraversiamo per andare al lavoro o conoscere come vivevano i proprietari dell’elegante villa che scorgiamo dal balcone di casa. Sono modi diversi di scoprire la nostra città da punti di vista nuovi e il Fondo Ambiente Italiano ci invita a rinnovare il nostro sguardo sull’Italia partecipando, domenica 15 ottobre 2017, alla “Giornata Fai d’Autunno” realizzata dai Gruppi Fai Giovani a sostegno della campagna di raccolta fondi “Ricordiamoci di salvare l’Italia”, attiva dal 1° al 31 ottobre.

Per l’occasione 3.500 volontari accompagneranno gli italiani alla scoperta di 600 luoghi inaccessibili o poco valorizzati, legati da una tematica comune (la musica, l’acqua, le tradizioni artigiane locali, il panorama urbano dall’alto, gli spazi dedicati all’amore sacro e a quello profano) e raccontati da una prospettiva insolita.

Circa 170 itinerari tematici in altrettante città connetteranno, come un fil rouge da seguire liberamente, l’apertura di palazzi, chiese, castelli, parchi, teatri, architetture industriali in trasformazione, ma anche interi quartieri e borghi.

Tra gli itinerari tematici e i luoghi più interessanti in Liguria c’è “una passeggiata tra passato e futuro” a Villanova d’Albenga. Il borgo è racchiuso all’interno dell’antica cinta muraria pressoché integralmente conservata. Le mura si elevano fino a superare i sette metri di altezza e sono sormontate da merli guelfi. Lungo il perimetro si ergono dieci imponenti torri di forme differenti, sei agli angoli del borgo e quattro in corrispondenza dei punti cardinali; le due poste agli estremi di via Garibaldi hanno funzione di porta cittadina.

Il Riviera Airport, l’aeroporto internazionale “Clemente Panero”, occupa una posizione strategica trovandosi a pochi km dalle più rinomate località turistiche della Riviera delle Palme: Alassio, Albenga, Loano, Finale Ligure e Sanremo; è stato aperto alle attività aviatorie nel 1922 come campo di volo intitolato alla memoria della medaglia d’oro Clemente Panero, sergente osservatore caduto durante la guerra 1915-1918. Completamente distrutto nel 1944-1945 dalle truppe tedesche in ritirata, l’opera di ricostruzione iniziò nel 1946. Oggi è aperto al traffico civile privato, con voli autorizzati verso tutte le destinazioni del continente, e di tanto in tanto con voli programmati verso alcune destinazioni nazionali.

L’Oratorio di San Giovanni Battista, ancora oggi sede dell’omonima confraternita, sorge ai margini dell’antico abitato e nelle sue forme originarie potrebbe risalire secondo gli studiosi, al XIII-XIV secolo. Sul muro esterno, che si affaccia su Vico Oratorio, compare un affresco del XIX secolo raffigurante San Giovanni Battista nell’atto di predicare alla folla. Sulla volta, all’interno dell’aula, un affresco seicentesco raffigura il Santo circondato da confratelli vestiti con il tradizionale abbigliamento caratterizzato da “cappa” e cappuccio. All’interno compaiono inoltre due cicli di dipinti murali: il primo raffigurante una teoria di santi con al centro la Vergine e il Bambino (XIV secolo) e il secondo, databile fra la fine del XV secolo e l’inizio del XVI secolo, raffigurante alcune scene della Passione. Nell’oratorio si rintracciano anche alcune interessanti testimonianze di scultura lignea, tra cui la statua della Madonna della Misericordia e un Crocifisso processionale, entrambi datati XVI secolo.

La Chiesa di Santo Stefano di Cavatorio fu costruita prima della fondazione del borgo e anticamente matrice delle più importanti chiese della vallata. La struttura odierna rileva tracce dell’originaria costruzione romanica, oggetto nei secoli di ampliamenti e restauri. Sulla facciata quattrocentesca si apre un protiro risalente al XV secolo arricchito da elementi marmorei di reimpiego. L’interno è a tre navate senza transetto, con navata centrale coperta da volta a botte e quelle laterali a crociera. Il presbiterio è decorato con stucchi del tardo ‘600, eliminati in parte durante i restauri eseguiti nel 1959, che si proponevano di riportare la chiesa alle sue forme originarie. L’interno contiene tracce di antichi affreschi, tra cui la figura di S. Michele Arcangelo. L’organo, costruito tra il XVIII e il XIX secolo da Eugenio Biroldi, collocato originariamente nella Basilica di S. Ambrogio a Milano, fu acquistato dal capitano Domenico Isoleri nel 1875. La medievale torre campanaria cuspidata è ornata da monofore e bifore.

Gli iscritti Fai e chi si iscriverà in loco potranno partecipare ad una speciale visita dell’hangar e degli elicotteri, durante la quale verrà presentato (a cura del comandante del 15^ Nucleo Elicotteri Carabinieri maggiore Claudio Proietti e del comandante della Guardia Forestale capitano Walter Scapin) il reparto di volo e il nuovo ordinamento dell’Arma, arricchito ora con il prezioso apporto del comparto forestale e la mission istituzionale a favore della tutela dell’ambiente, attraverso una presentazione a cura del Comando gruppo carabinieri forestale di Savona in materia di reati ambientali e tutela dell’ambiente stesso.

All’accesso di ogni bene sarà richiesto un contributo facoltativo, preferibilmente da 2 a 5 euro, a sostegno dell’attività della Fondazione. Per gli iscritti Fai e per chi si iscriverà per la prima volta durante l’evento (a questi ultimi sarà dedicata eccezionalmente la quota agevolata di 29 euro anziché 39) saranno riservate aperture straordinarie, accessi prioritari, attività ed eventi speciali in molte città. La quota agevolata varrà anche per chi si iscriverà per la prima volta tramite il sito www.fondoambiente.it durante tutto il mese di ottobre.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.