IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cacciatore ferito da un colpo di fucile: operato e ricoverato in rianimazione foto

L’uomo, il 72enne Francesco Vaccaro, ha subito la parziale amputazione del braccio

Più informazioni su

Savona. Ha subito la parziale amputazione del braccio Francesco Vaccaro, il 72enne cacciatore che questa mattina è rimasto gravemente ferito nei boschi di Naso di Gatto, in località Pagliarino ad Albisola Superiore, nel corso di una battuta di caccia al cinghiale.

Dopo essere stato stabilizzato sul luogo dell’incidente, il cacciatore è stato trasportato d’urgenza all’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure. La lesione causata dal colpo di arma da fuoco si è rivelata essere troppo grave e perciò, nonostante i tentativi messi in atto, i medici del nosocomio pietrese non hanno avuto altra scelta che procedere con la semi-amputazione di parte dell’arto, all’altezza dell’avambraccio destro. Ora l’uomo si trova ricoverato presso il reparto di rianimazione in via precauzionale.

Sul fronte investigativo, dopo l’iniziale intervento dei carabinieri del nucleo radiomobile (che si sono occupati di effettuare i primi rilievi ed accertamenti sul luogo dell’incidente) ora delle indagini si stanno occupando i loro colleghi forestali, ai quali spetterà il compito di ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente. I militari dovranno stabilire se possa esserci stata un qualche qualche condotta omissiva nella custodia dell’arma da parte del cacciatore dal quale è partito il colpo. L’accusa di lesioni colpose scatterà soltanto se verrà depositata querela.

incidente caccia

 

Secondo i primi accertamenti effettuati, non ci sarebbero dubbi circa il fatto che quanto avvenuto sarebbe stato un incidente. Resta da chiarire se il cacciatore che ha esploso il colpo stesse mirando ad un cinghiale senza accorgersi che dietro c’era il compagno oppure se si sia trattato di un colpo partito accidentalmente. I militari hanno già raccolto le testimonianze dei cacciatori (compreso quello che ha sparato all’amico), una squadra della zona di Ellera e Albissola, che avrebbero confermato appunto la dinamica accidentale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Roy

    Che dire….si lascia la possibilita’ a questi “uomini” di sparare a caso nei boschi dove per ovvi motivi nessuno puo’ piu’ andare oltre a loro!!!
    E guarda i risultati!!