IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, si accendono i motori al Polo 90: apre Drift Kart, pista indoor per go-kart elettrici fotogallery

A corredo del circuito ci saranno anche un punto ristoro e un museo dedicato ai caschi e ai kart

Albenga. Una pista indoor per i go-kart, allestita in un capannone di 2,500 metri quadrati, ricavato da una porzione del parcheggio sotterraneo del cinema Multiplex, in zona Polo 90, con fondo a bassa aderenza, tre tipologie di mezzi rigorosamente elettrici (quindi non inquinanti) e accesso consentito a bambini, ragazzi e adulti, con un occhio di riguardo per le scuole del territorio.

Sono queste le caratteristiche della pista Drift Kart, nata da una convenzione tra il comune di Albenga e il Centro provinciale revisioni auto, che sarà inaugurata tra una quindicina di giorni, intorno a fine ottobre.

Sul circuito, dove la bassa aderenza permetterà ai fruitori di percepire una grande velocità (seppur in realtà moderata), circoleranno tre tipi di mezzi: il primo dedicata ai bambini dai 3 ai 6 anni (tra cui anche un piccolo mezzo con i colori delle forse dell’ordine), il secondo riservato ai ragazzi fino ai 140 centimetri di altezza e il terzo per adulti senza limiti di età.

Tutti i kart saranno dotati della meccanica delle moto americane, sponsorizzati dalla ditta Birel, prima al mondo a livello di kart, e da Zero Motorcycle, una delle ditte più famose nel settore delle moto elettriche, e dotati di batterie al litio ultraleggere.

A corredo del circuito ci saranno anche un punto ristoro e un museo dedicato ai caschi (una rarità a livello mondiale) e ai kart.

La pista, grazie alla convenzione tra comune e Centro provinciale revisioni, ospiterà anche diversi incontri incentrati sulla sicurezza stradale, con gli agenti della polizia municipale pronti a trasformarsi in insegnanti d’eccezione per guidare i piccoli delle scuole del territorio (per i quali l’accesso sarà totalmente gratuito) nella conoscenza delle norme della strada.

“Per trovare un impianto simile bisogna volgere lo sguardo alla Lombardia, ma la sezione dedicata all’educazione stradale risulta essere unica nel suo genere, – ha spiegato Roberto Arnaldi, uno dei promotori dell’iniziativa. – Per noi è un sogno che si realizza. Ringrazio sentitamente il comune, in particolare nella persona del sindaco Giorgio Cangiano, che si è impegnato duramente per trasformare questo progetto in realtà”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.