IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Intesa tra Regione e ministero del lavoro sui centri per l’impiego

L'assessore Berrino: “Vittoria del fronte comune delle Regioni. Ok a 6,2 milioni di euro per la Liguria”

Regione. “L’importante intesa raggiunta ieri, tra le Regioni e il ministero del lavoro, è frutto della condivisione dei territori, che hanno fatto fronte comune, ottenendo il definitivo riconoscimento dell’assetto dei centri per l’impiego e del relativo personale”.

Lo dichiara l’assessore regionale alle politiche attive del lavoro Gianni Berrino commentando, con soddisfazione, l’intesa siglata ieri a Roma tra ministro del lavoro Poletti e i rappresentanti delle Regioni sui centri per l’impiego.

“L’accordo, su cui con i colleghi delle altre Regione abbiamo lavorato con determinazione dal 2015 attraverso un serrato dialogo, a tratti aspro, col ministero, porterà alla Liguria circa 6,2 milioni di euro, risorse necessarie al funzionamento dei servizi per l’impiego, dopo il riconoscimento di tutti i 171 attuali dipendenti, a tempo indeterminato, dei centri per l’impiego del territorio, che hanno grande professionalità e competenza. Questo accordo ci permetterà di programmare con maggior chiarezza e serenità il futuro dei centri per l’impiego”.

Pippo Rossetti, consigliere regionale del Pd, commenta: “L’accordo raggiunto tra Governo e Regioni sulle politiche attive del lavoro è una notizia molto importante. Grazie a quest’intesa che stabilizza i precari sarà possibile salvaguardare le persone e le competenze maturate in tanti anni di lavoro nei centri per l’impiego. In questo modo, anche in Liguria, potremo dare impulso a un corretto orientamento alla profesionalizzazione e migliorare l’incontro fra domanda e offerta”.

“La crescita va sostenuta con politiche attive del lavoro, permeabili e integrate con le esigenze delle imprese. Questa è la strada giusta per produrre nuova occupazione. Solo valorizzando i centri per l’impiego e mettendoli in grado di operare pienamente si possono sostenere gli interventi per la crescita occupazionale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.