IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Eccellenza: il Pietra Ligure beffa il Vado nel finale. Albenga ko video

I biancoazzurri vincono con un episodio nei minuti di recupero. Ingauni regolati da una Rivarolese superiore

Non è più tempo di parole, ora conta il campo. Così tanti allenatori avranno incitato i propri giocatori anche nel campionato di Eccellenza Ligure. Prima giornata molto interessante e ricca di spunti. Tanti i gol segnati, ben 23 con una gara da recuperare ancora. A ruggire per primi sono i biancoverdi di Fezzano, che hanno subito messo in chiaro una cosa: loro vogliono tornare subito in quella Serie D persa solo all’ultimo respiro lo scorso anno.

Contro il Serra Riccò arriva un roboante 6-0 che fa ben sperare i tifosi levantini. Sono i panchina i due nuovi arrivati Cargioli e Lorenzini, ma questo non ha impedito a Baudi e compagni di bagnare l’esordio con una valanga di gol. Ad aprire le marcature è Cupini che spezza l’equilibrio intorno alla mezzora con una botta imparabile per l’esperto Fuselli, mentre nel finale a chiudere i conti arriveranno anche le reti di Maggiore e dello stesso Lorenzini che va subito a rete nella gara d’esordio. Serra Riccò che deve dimenticare in fretta e ripartire dalla prima parte di gara; Fezzanese che fa paura.

Bene anche la Rivarolese che contro l’Albenga si gode Alessio Chiarabini già in piena forma. Sua la firma su una gara che inizia subito con un brivido per gli ospiti con una punizione di Sighieri che sfiora la traversa. La rete del vantaggio arriva al 34° con una bella azione personale di Chiarabini il quale vede Mura, lo lancia. Il giallorossonero salta un difensore e infila Rossi per l’1-0. La risposta degli ingauni sta tutta una conclusione di Gaggero dieci minuti dopo, facile la presa per Bernini.

Nella ripresa Mura e Chiarabini si scambiano i ruoli con i numero 11 che restituisce il favore al compagno di squadra il quale controlla e batte a rete per il raddoppio. Passano poco più di dieci minuti ed arriva il terzo gol Rivarolese ancora con Chiarabini che con la doppietta fissa il parziale sul 3-0. Poca Albenga non riesce ad impensierire i padroni di casa che mostrano subito i muscoli. Per i bianconeri, ancora molto lavoro da fare.

Se la Rivarolese mostra la propria compattezza, anche la Sammargheritese non scherza, con una squadra costruita per fare molto bene, dimostra subito il fiuto della dirigenza arancioblù nel match insidioso contro la Genova Calcio. Primo tempo combattuto con i padroni di casa a far girare palla, ma senza essere troppo pericolosa, eccezion fatta per il tiro di Privino che si stampa sulla traversa a Dondero battuto.

I gol arrivano nel secondo tempo quando Marrale che piazza una doppietta. La prima rete è al 47° su rigore contestato dai biancorossi. La seconda al 63° è quella che taglia psicologicamente le gambe agli ospiti che poi al 72° subiranno anche la terza marcatura ad opera di Cilia. Termina 3-0 un risultato giusto nel complesso viste le poche occasioni per i genovesi ben imbrigliati dalla manovra dei sammargheritesi.

Scoppiettante il match fra il Valdivara 5 Terre ed il Moconesi. Ben sette gol alla fine con un risultato che arride ai levantini i quali vanno subito vicini alla rete con Balistreri il quale non inquadra dopo un solo minuto. Al quarto d’ora tocca a Garibotti provarci da distanza ravvicinata, ma Balistreri c’è. Al 20° il gol del vantaggio ospite con Dell’Ovo che di testa anticipa tutti e gira in porta su assist di Oneto.

Ancora Dell’Ovo cerca la rete della sicurezza con una conclusione a giro, ma Brozzo c’è e vola a salvare il risultato. Il Moconesi spinge, cerca il raddoppio e alla mezzora viene premiato quando Brozzo esce male, respingendo corto un cross dalla fascia. La sfera diventa buona per Sanguineti che di prima intenzione beffa il portiere in lob. Il 2-0 fa abbassare la guardia ai biancorossi che proprio allo scadere di primo tempo subiscono il gol di Grassi che riapre i giochi. Quando, però al 47° Duranti spara un siluro dai 15 metri, Brozzo non ci arriva e l’1-3 sembra aver messo una pietra sulla prima giornata del Valdivara.

Nella ripresa, però cambia tutto con Bertuccelli che diventa il protagonista assoluto della gara. Al 68° è fortunato a ritrovarsi un buon pallone su svarione della difesa avversaria con il portiere fuori dai pali può insaccare. Poi all’85° il pareggio su calcio di rigore da lui stesso procurato e due minuti dopo viene dimenticato dalla difesa ospite che gli permette di calciare da solo per il 4-3 che ha dell’incredibile  e manda in estasi i tifosi locali. Per il Moconesi una partita da ricordare fino al 68°, serve lavoro sulla tenuta mentale.

Il Molassana Boero conquista il massimo risultato con il minimo sforzo contro il Rapallo. Alla squadra di mister Schiazza infatti basta la rete di Romei al 16° che conclude al meglio (anche se con un pelo di fortuna) una bella azione di Cafferata. Chi invece vince una partita molto incerta è il Pietra Ligure che ha la meglio sulla corazzata Vado, forse troppo desiderosa di vincere e poco si cura della fase difensiva. Infatti i pietresi non rubano nulla nel complesso se si considera la doppia occasione fotocopia capitata a Battuello al 7° e al 53° quando a tu per tu con il portiere Illiante, si fa respingere le conclusioni. La rete decisiva arriva al 92° quando Del Nero stende Rovere in area. Dal dischetto Baracco non sbaglia e sigla il decisivo 0-1. Per il Vado serve più dei grandi nomi, servirà concretezza, quella che è mancata in modo evidente oggi. Buon Pietra Ligure, che si difende con ordine e riparte. Potrà togliersi delle soddisfazioni. Prima uscita da presidente molto positiva, quindi, per Claudio Faggiano.

Termina in parità Sestrese – Imperia, con il vantaggio degli ospiti al 60° con Ymeri, la cui punizione termina dove Rovetta non può arrivare. Il pari è firmato De Persiis e giunge a dieci minuti dalla fine. Ottimo risultato per i verdestellati contro una delle compagini candidate alla vittoria del torneo. Per l’Imperia invece un inizio non eccellente, qualche meccanismo ancora da registrare.

Ventimiglia – Busalla invece è stata sospesa al 54° per il forte vento che ha colpito il “Morel”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.