IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Camion abbatte un portale sulla A10: autostrada riaperta dopo 10 ore fotogallery

Incidente clamoroso: mezzo pesante scontra un furgone e si ribalta, centra il cartello e riempie entrambe le corsie di detriti

* Nel video in alto, le immagini riprese da un autotrasportatore e diffuse su un gruppo Facebook

a10 camion abbatte portale tutor

Agg. ore 19.15: Sta lentamente tornando alla normalità la viabilità sulle autostrade del savonese, dopo il grave incidente avvenuto questa mattina e che ha visto protagonisti un furgone ed un camion: quest’ultimo, ribaltandosi, ha abbattuto il portale che al chilometro 37 regge i cartelli di indicazione dell’uscita.

Subito dopo l’incidente, sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e gli addetti delle Autostrade, che hanno immediatamente chiuso in entrambe le direzioni il tratto di A10 interessato dal sinistro e avviato le operazioni di rimozione dei veicoli e del materiale che trasportava il camion, riversatosi sulla carreggiata. Il mezzo pesante trasportava olii e saponi: riversandosi sulla carreggiata, questi materiali hanno reso l’asfalto particolarmente viscido (condizione peggiorata anche dalla pioggia che questa mattina ha interessato la zona del capoluogo di provincia) e perciò tutt’altro che sicuro per i veicoli in transito.

La chiusura dell’autostrada, però, ha creato notevoli disagi alla viabilità, coi conducenti “intrappolati” nelle loro vetture in coda. In alcuni momenti i serpentoni di veicoli hanno toccato i 17 chilometri di lunghezza. Altrettanto difficile era la situazione sulla A6 tra Altare e Savona, che è stato chiuso anche a causa dello svincolo congestionato. Per fortuna i volontari della protezione civile regionale sono intervenuti per dare assistenza alla popolazione e agli automobilisti bloccati e per la distribuzione di bottiglie di acqua.

Anche la viabilità secondaria ha subito ripercussioni: i mezzi pesanti e le auto hanno abbandonato l’autostrada imboccando l’Aurelia e, dirigendosi verso Albisola, hanno attraversato tutto il centro abitato ed intasandone la viabilità.

L’apertura dell’A10 è avvenuta intorno alle 17.30 e cioè circa dieci ore dopo l’incidente: l’intervento di ripristino della viabilità è stato particolarmente lungo in quanto è stato necessario rimuovere l’asfalto per eliminare ogni traccia degli olii e del sapone riversatosi al momento del sinistro. Le operazioni di stesura (e asciugatura) del nuovo pavimento hanno richiesto diverse ore. Il tratto di A6 tra Altare e Savona, invece, è stato riaperto pochi minuti fa. Sul luogo del sinistro sono ancora in corso le operazioni di ripristino della pavimentazione,danneggiata e il traffico scorre su una corsia, per senso di marcia attraverso uno scambio di carreggiata. In direzione di Genova si registrano 4 chilometri di coda tra Savona e Albisola e 3 chilometri di coda verso Savona a partire da Varazze. Sul posto sono ancora presenti il personale di Autostrade per l’Italia e tutti i mezzi di soccorso.

Agg. ore 17.42: E’ stato riaperto in questi minuti il tratto di A10 chiuso questa mattina a causa dell’incidente che ha visto un camion urtare un portale autostradale con conseguente dispersione del materiale sulla carreggiata. In prossimità del punto dell’incidente il traffico scorre attraverso uno scambio di carreggiata. Rimane chiuso sulla A6 Torino-Savona il tratto Altare-Savona verso Genova. Attualmente si segnalano 10 chilometri di coda a partire da Savona, ma la coda è destinata lentamente a riassorbirsi. In direzione Savona si segnalano 14 km di code tra Varazze e Savona ed il traffico scorre su una sola corsia.

A causa della complessità delle operazioni e i tempi conseguentemente prevedibili per il ripristino delle normali condizioni di percorribilità della A10, tenuto anche conto della sostanziale saturazione in cui versa l’alternativa strada statale Aurelia, si consiglia agli utenti che dovessero ancora mettersi in viaggio verso il nodo di Savona, da qualsiasi provenienza, di posticipare le partenze. In alternativa per chi proviene dalla A6 Torino-Savona e viaggia in direzione Genova, si consiglia di utilizzare la A21 Torino-Piacenza-Brescia e la A26 dei Trafori.

Agg. ore 15.20: Si allungano le code di veicoli su entrambe le corsie dell’autostrada. Attualmente, in direzione Genova si registra un “serpentone” di circa 12 chilometri di lunghezza, da Orco Feglino a Savona. Sulla corsia nord, invece, la coda è di 17 chilometri, da Varazze fino a Savona.

Agg. ore 14.50: L’autostrada resterà chiusa almeno fino alle 18 di oggi. Ad annunciarlo, via Facebook, è il presidente della Regione Giovanni Toti: “L’autostrada A10 è chiusa dalle 7.30 nel tratto fra Savona e Albisola (direzione Genova) a causa di un incidente e sarà bloccata almeno sino alle 18. Dati i numerosi disagi abbiamo mobilitato la protezione civile regionale con i volontari che stanno intervenendo per dare assistenza alla popolazione e agli automobilisti bloccati e per la distribuzione di bottiglie di acqua. E avanti tutta con le infrastrutture indispensabili al progresso e alla sicurezza del nostro territorio: Terzo valico, Secondo anello ferroviario di Genova e Gronda. La Liguria non può aspettare”.

Agg. ore 13.30: “Dopo l’incidente di questa mattina sulla A10 nel tratto tra Savona e Albisola che ha visto coinvolto un camion e bloccata la circolazione abbiamo attivato immediatamente i volontari della protezione civile regionale che stanno intervenendo per dare assistenza alla popolazione e agli automobilisti bloccati e per la distribuzione di bottiglie di acqua”. Lo ha comunicato l’assessore regionale alla protezione civile Giacomo Giampedrone a seguito del persistere delle condizioni di blocco autostradale e di estrema difficoltà per gli automobilisti della A10.

Agg. ore 12.30: Sempre più critica la situazione sulla A10. Oltre ai 3 km di auto “intrappolate” nel tratto chiuso tra Savona ed Albisola, si registrano 12 km di coda tra Spotorno e Savona, dove è stata istituita l’uscita obbligatoria. Coda che ovviamente si riversa poi nella viabilità ordinaria, paralizzando il centro cittadino. Anche sulla corsia opposta si registrano 15 km di code tra Varazze e Savona, con il traffico che continua a scorrere su una sola corsia. Altrettanto difficile la situazione sulla A6 tra Altare e Savona, proprio a causa dello svincolo congestionato: “Abbiamo percorso 110 metri in 80 minuti” racconta un lettore ad IVG, che contesta: “Il personale delle Autostrade e la polizia sono assenti, e non c’è nessuno della protezione civile che distribuisca acqua agli automobilisti che hanno bambini a bordo”.

Agg. ore 11.00: Pesanti disagi anche per gli automobilisti sulla A6, bloccati ormai da ore a causa dell’ingorgo allo svincolo di Savona e della chiusura del tratto verso Albisola. “Provengo da Torino e sono fermo ormai da molto, non ho percorso nemmeno un metro – ci scrive un lettore – Mi chiedo perché non è stato segnalato di uscire obbligatoriamente ad Altare, certamente il casello di Savona ne avrebbe beneficiato. Ed ora? Immaginate con il costante flusso in uscita a Savona dell’autostrada dei Fiori… noi da Torino siamo realmente ‘sequestrati’. Ovviamente non ci sono notizie di aggiornamento”.

Agg. ore 10.30: Nonostante siano lentamente iniziate le operazioni per far ritornare a Savona le auto rimaste bloccate nel tratto verso Albisola, sono ancora molti gli automobilisti intrappolati, ormai da più di 3 ore. In direzione Genova ci sono ancora 3 km di coda. In direzione Savona si segnalano invece code tra Varazze e Savona ed il traffico scorre su una sola corsia.

La chiusura della A10 sta avendo pesanti ripercussioni anche sul centro di Savona: tutti i mezzi pesanti e le auto escono dall’autostrada per dirigersi verso Albisola, attraversando tutto il centro abitato ed intasandone la viabilità.

Savona. Un incidente incredibile sta paralizzando dalle 7.20 di questa mattina l’autostrada A10. La dinamica è ancora da chiarire, ma secondo quanto riferito da Autostrade sarebbero coinvolti un furgone ed un camion: quest’ultimo, ribaltandosi, ha abbattuto il portale che al km 37 regge i cartelli di indicazione dell’uscita.

Entrambe le corsie si sono riempite di detriti, portando alla formazione di lunghe code e alla temporanea chiusura dell’autostrada in entrambe le direzioni. Sull’asfalto è finito infatti anche parte del carico del camion. Immediato l’intervento sul posto del personale di Autostrade per l’Italia e di tutti i mezzi di soccorso, fortunatamente non si registrano feriti.

In questo momento è chiuso solamente il tratto in direzione Genova, tra Savona ed Albisola. Si sono formati 2 km di coda ed è stata istituita l’uscita obbligatoria a Savona. Nell’altra direzione l’autostrada è già stata riaperta ad una sola corsia, e si registrano code a partire da Celle Ligure. Per chi proviene dalla A6 Torino-Savona e viaggia in direzione Genova, si consiglia di utlilizzare la Torino-Piacenza e proseguire sulla A26 dei Trafori.

Agg. ore 9.00: le auto che erano bloccate nel tratto tra Savona ed Albissola stanno lentamente tornando indietro verso il casello di Savona. A quanto sembra la riapertura non potrà rinvenire in tempi brevi, dato che sarà necessario rifare l’asfalto nel punto in cui è caduto il cartello.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da arcobaleno

    forse il guidatore stava facendo anche lui un video con il cellulare mentre guidava, proprio come ha fatto quello che ha postato il video su facebook….. Un po’ un controsenso no??? E’ cosi’ che succedono gli incidenti.. Meno male che stavolta nessuo ci ha rimesso la pelle…

  2. COPPI
    Scritto da COPPI

    Grazie assessore Giampedrone per aver rinunciato ai finanziamenti per il tratto di Aurelia bis tra Corso Ricci e Corso Svizzera a Legino ma anche grazie alla amministrazione Capriogliio per non aver almeno protestato per la rinuncia ad un’opera fondamentale per decongestionare il traffico in città perchè se l’opera fosse completata in una giornata come oggi non avremmo avuto la gioia di vedere le nostre strade invase dai camion dalle auto e dai T.I.R.

  3. Scritto da hood

    forse i sostegni del portale non sono stati posizionati in sicurezza…