IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Zuccainpiazza, a Rocchetta di Cengio si respira già l’aria del tredicesimo appuntamento autunnale

A ottobre tre giorni dedicati alla buona cucina con il quarto Master Zucca Chef che avrà la giuria presieduta da Beppe Bigazzi

Cengio. Tredici come il numero dell’edizione 2017, sei i comuni valbormidesi coinvolti (oltre a Cengio, anche Millesimo, Murialdo, Cairo, Cosseria e Dego), e 275 kit distribuiti agli alunni del territorio, la scorsa primavera, nell’ambito del progetto “adotta un seme”. Sono questi solo alcuni numeri che testimoniano quanta strada abbia fatto l’ormai nota zucca di Rocchetta di Cengio, targata Slow Food, che dal 13 al 15 ottobre sarà la regina dell’autunno con la manifestazione ad essa dedicata.

Questa mattina il patron del progetto, Gianpietro Meinero, insieme ai suoi immancabili collaboratori, ha illustrato le novità del prossimo appuntamento nella frazione cengese, dove per tre giorni saranno allestiti il mercato dei produttori, il Palazucca, intrattenimento, estemporanea di pittura e, la domenica, il quarto concorso Master Zucca Chef, a cui parteciperanno anche gli allievi degli istituti alberghieri. Non più solo primi piatti a base di zucca, gli aspiranti concorrenti della gara più golosa potranno, questa volta, presentare una ricetta di un antipasto, un secondo o anche un dolce.

Da oggi sono aperte le iscrizioni per tutti coloro che desiderano cimentarsi nella piazza di Rocchetta con pentole e fornelli, sotto lo sguardo vigile della giuria che sarà presieduta da Beppe Bigazzi, noto giornalista e gastronomo italiano, che ha conosciuto la Valbormida grazie alla partecipazione del ristorante Quintilio di Altare alla Prova del cuoco di Rai Uno.

Per essere selezionati occorre inviare la propria ricetta all’indirizzo mail meinero@alice.it (il regolamento del concorso sulla pagina Facebook di Zuccainpiazza o sul sito www.slowfood-altavallebormida.it). A breve saranno definiti tutti i dettagli del programma della tredicesima edizione, con un’attenzione particolare ai ristoratori della zona che produrranno almeno un piatto a base di zucca e dove i numerosi visitatori attesi potranno conoscere anche altre specialità del territorio.

Non solo una festa, dunque, ma come sempre una rassegna che si pone l’obiettivo di far conoscere le potenzialità della Valbormida sul piano dell’accoglienza e dei sapori unici della tradizione locale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.