IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Laigueglia nasce un campo boe ad impatto zero per natanti, pesca-turismo e itti-turismo fotogallery

Sarà ad uso gratuito per i diportisti in transito per una sosta durante la navigazione in uno dei Borghi più Belli d’Italia

Laigueglia. Nel cuore del Santuario Pelagos è istituito il “campo boe” di Laigueglia. Ospita cinque boe sistemate dalla Ilma Sub di Savona su indicazione progettuale dell’ingegnere Paolo Gaggero dove possono ormeggiare, gratuitamente, imbarcazioni di lunghezza compresa tra i 6 e i 24 metri per la durata di 24 ore. Quello del borgo marinaro è l’unico esistente in una posizione equidistante tra Portofino e Montecarlo.

Da quest’anno optando per una vacanza alla scoperta del mare, sarà utile sapere che, oltre gli ormeggi in rada, approdo e pontile presenti nel sorgitore di Laigueglia e in aggiunta ai Porti dei Comuni limitrofi, da oggi, c’è anche il campo boe: area in cui è possibile ormeggiare assicurandosi ad un gavitello, fissato con una cima a una base posta sul fondale.

I campi boe sono una soluzione semplice che permette al diportista di stare in rada ma facilitandogli le operazioni di ormeggio; sono stati studiati per la salvaguardia di fondali ricchi di vegetazione marina, dove l’uso dell’ancora può rovinare il fondale e infatti sono utilizzati soprattutto nelle aree marine protette o, come nella specie, nel limitare dei Siti di interesse comunitario.

Per capire dove sono collocati e come funzionano, oltre a effettuare una ricerca sul Portolano è possibile chiedere informazioni presso l’Ufficio circondariale marittimo di Loano, Albenga oppure presso il sito internet del Comune di Laigueglia.

Laigueglia, Comune virtuoso, Ente già riconosciuto tale dal Segretariato Permanente Pelagos, per il suo impegno nella salvaguardia e nella promozione delle eccellenze legate al mare e tra queste quella appunto della tutela del Santuario dei Cetacei, ha deciso di avviare un progetto sperimentale unico nel suo genere legato al turismo nautico.

“Con questa iniziativa – spiegano dal Comune – vogliamo permettere l’ormeggio e lo sbarco dei diportisti per la visita del centro storico e, in generale, di uno dei Borghi più belli d’Italia. Al tempo stesso è nostra volontà quella di offrire un ormeggio “di transito” agli yacht in navigazione e alle imbarcazioni. Una sosta durante le loro crociere nel Mar Ligure al riparo di venti e correnti praticamente all’ombra del promontorio di Capo Mele, il più esteso della nostra Regione”.

Il campo boe nasce all’esterno del S.I.C., ovvero il Sito di Interesse Comunitario, dove viene preservato uno degli ambienti costieri e marini con un promontorio calcareo con versanti a fasce terrazzate e scenografiche falesie a strapiombo e una ricca prateria di posidonia. ”Quello che abbiamo realizzato infatti è un sistema di ormeggio a impatto zero per l’ambiente marino della Baia del Sole”, precisa l’Amministrazione Comunale laiguegliese.

Nel dettaglio il campo boe con ormeggio temporaneo occuperà lo specchio acqueo compreso in uno di 180.000 m.q. in concessione al Comune di Laigueglia. Qui potranno ormeggiare cinque imbarcazioni alla volta: armatori ed equipaggio potranno poi raggiungere il molo centrale a bordo di tender e gommoni per una visita della cittadina, per una pausa ristoro e shopping nei negozi nel caratteristico budello del centro storico.

Il servizio è previsto e istituito dal regolamento per l’ormeggio delle imbarcazioni presso il campo boe (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 31/07/2017).

Il Comune di Laigueglia concede in uso gratuito la possibilità di ormeggiare, a cura dell’utente, imbarcazioni da diporto e da pesca autorizzate a ittiturismo/pescaturismo (esclusivamente per le finalità proprie dell’ittiturismo/pescaturismo) di lunghezza compresa tra 6 m. e 24 m., per la durata massima di 1 giorno (24 ore) dall’ora di ormeggio, allo scopo di consentire lo sbarco per la visita del centro storico e, in generale, della località. La prenotazione dell’ormeggio dovrà avvenire tramite l’applicazione “Laigueglia pass”, scaricabile dal sito istituzionale del Comune, previa accettazione delle condizioni dell’Ordinanza dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Loano-Albenga vigente, oltreché del regolamento comunale. In caso di non funzionamento dell’applicazione di cui sopra, la prenotazione dovrà avvenire mediante e-mail all’indirizzo laigueglia@comune.laigueglia.sv.it. In caso di disponibilità di ormeggi e fino a che rimanga disponibile almeno uno degli ormeggi, la durata di cui sopra potrà essere estesa fino a 5 (cinque) giorni, previa richiesta del “Laigueglia pass” giornaliero.

“Il sistema informatico “Laigueglia Pass” è stato ideato e realizzato dall’Università degli Studi di Genova, presso il DIBRIS – Dipartimento di Informatica, Bioingegneria, Robotica e Ingegneria dei Sistemi (Laboratorio di Ricerca in Ingegneria dei Sistemi Logistici e di Trasporto, riferimenti Prof. Roberto Sacile e Ing. Luca Zero). Il sistema, nel suo iter istruttorio e nelle modalità di dati da fornire per ricevere il Pass, è stato concordato ed attuato anche grazie alla fattiva e professionale collaborazione con il competente ufficio della Guardia Costiera – Ufficio Circondariale Marittimo di Loano-Albenga – al comando del Tenente di Vascello Erik Morzenti, nonché dal locale Comando di Delegazione di spiaggia retto dal Maresciallo Simone Mauro. Si tratta di un facile strumento con cui l’utente potrà prenotare una delle boe a disposizione consultando il seguente link http://www.comunelaigueglia.net/.

Sulla boa di ormeggio, nello specchio acqueo in concessione, è stato posizionato un cartello informativo delle modalità di accesso al servizio. Con l’attivazione del campo boe Laigueglia apre la sua terza porta, questa volta dal mare. Il borgo marinaro laiguegliese è pronto ad accogliere i diportisti e favorire il turismo nautico con un campo boe assolutamente gratuito e tra i pochi del Mediterraneo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.