IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Trenitalia: l’assessore Berrino smentisce la chiusura dell’officina di Savona

La risposta dopo una interpellanza in Consiglio regionale del Pd

Savona. Il consigliere regionale Giovanni Lunardon (Pd) ha illustrato un’interpellanza, sottoscritta anche dal collega del gruppo, Luigi De Vincenzi, relativa ad un’officina di Savona, che rigenera le batterie di locomotori e vetture di Trenitalia, dove sono impiegati 15 lavoratori in appalto e 5 dipendenti.

La direzione tecnica di Trenitalia, secondo quanto detto dal consigliere, ha nuovamente prospettato la chiusura dell’Officina di Savona ed il trasferimento di questa attività presso l’Officina Grandi Riparazioni di Voghera, con il conseguente esubero dei lavoratori in appalto e la ricollocazione a Voghera dei 5 lavoratori dipendenti.

Il consigliere ha ricordato che nel settembre scorso il Consiglio regionale ha approvato un ordine del giorno con il quale si impegnava la giunta a convocare al più presto un tavolo con la dirigenza di Trenitalia e le organizzazioni sindacali per scongiurare la chiusura dell’officina. Lunardon ha chiesto alla giunta se è stato istituito il tavolo, quali esiti ne sono scaturiti e di impedire la chiusura dell’officina.

Per la giunta ha risposto l’assessore ai trasporti Gianni Berrino ha premesso che l’argomento non è di stretta competenza dell’assessore ai trasporti, ma, a seguito di incontri con le organizzazioni sindacali e contatti costanti con Trenitalia, ha escluso che quest’ultima intenda spostare l’attività oggetto dell’interrogazione dalla provincia di Savona.

L’assessore ha anche aggiunto che, comunque, nel contratto di servizi si è chiesto espressamente che per i treni regionali le lavorazioni continuino ad essere svolte in Liguria.

“L’assessore Berrino in risposta alla nostra interpellanza sul rischio concreto della chiusura dell’Officina Lavorazione Batterie di Savona, prima ha detto che il tema della manutenzione delle batterie ferroviarie esula dalla sua delega (che però sarebbero i trasporti…) e poi ci rassicura sul mantenimento di questo servizio afferma Giovanni Lunardon -. Dove si fonda questa sua ferrea convinzione? Su una comunicazione inviata da Trenitalia alla Regione in cui si dice che “ad oggi l’attività è svolta presso la sede di Savona”.

“Ma se il convincimento dell’assessore sul mantenimento del servizio si basa su questa semplice nota allora siamo ben presi. Consiglio a Berrino di incontrare i sindacati, a cui risulta tutt’altro scenario e di vigilare con più attenzione sulla vicenda, perché non ci si debba svegliare uno di questi giorni con quindici lavoratori in appalto licenziati e con gli altri cinque di Trenitalia ricollocati a Voghera, dove l’azienda avrebbe intenzione di spostare la lavorazione. Abbiamo già perso l’officina di Rivarolo e non sappiamo che fine farà il centro regionale per le manutenzioni dei treni regionali. Ce n’è abbastanza per essere seriamente preoccupati. E per non abbassare la guardia” conclude l’esponente del Pd.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.