IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Spese pazze in Regione: quattro anni e mezzo per Scialfa, altri quattro per Marylin Fusco foto

Oggi la prima sentenza di un tribunale ligure dopo il patteggiamento di Piredda e Quaini

Liguria. Quattro anni e sei mesi di reclusione per l’ex capogruppo dell’Idv in Regione Niccolò Scialfa, quattro anni di reclusione è invece la condanna per l’ex consigliera regionale Marylin Fusco, tre anni per il marito Giovanni Palladini e nove mesi per l’ex tesoriere Giorgio De Lucchi. Queste le condanne inflitte questa mattina in Tribunale a Genova nell’ambito del processo per le cosiddette “spese pazze” in Regione.

Per Scialfa, che era anche finito agli arresti domiciliari è stato condannato per peculato e falso in quanto avrebbe ance falsificato alcuni verbali, il procuratore aggiunto Francesco Pinto aveva chiesto la pena di sei anni di carcere.

Per lo stesso processo erano già stati condannati con rito abbreviato Maruska Piredda e Stefano Quaini a una pena, lievemente ridotta in appello, rispettivamente di due anni e sei mesi e due anni e due mesi.

Tutti gli ex consiglieri sono stati giudicati in primo grado responsabili di aver utilizzato tra il 2010 e il 2012 i fondi destinati al gruppo per l’attività politica per acquisti privati, dal vino ai ristorante, dalle Mont Blanc ai viaggi. De Lucchi era invece accusato di appropriazione indebita, in virtù del suo ruolo di tesoriere “esterno”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.